RETE DEI SERVIZI

Ex Gesip, a Palermo è nata la Reset

Il sindaco Leoluca Orlando ha firmato oggi l'atto costitutivo della società consortile. Dei 1570 operatori, 950 saranno a lavoro già dal 2 gennaio

PALERMO. Sarà firmato questo pomeriggio l'atto costitutivo davanti a un notaio che sancisce la nascita della società consortile per azioni Reset, un acronimo che sta per Rete servizi territoriali. Lo ha reso noto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, a margine di una conferenza stampa, al teatro Massimo.

Reset avrà vita fino al 2054 e sarà partecipata al 98% dal Comune e per la restante quota azionaria da Rap(1%) e da Sispi (1%)le due partecipate che si occupano del servizio di raccolta dei rifiuti e di servizi informatici.

Ieri il consiglio comunale ha approvato a maggioranza la delibera che autorizza la costituzione della società consortile per azioni, che gestirà servizi cimiteriali, di pulizia, cura del verde, custodia, del canile municipale, al posto della Gesip, la società in liquidazione che si occupava 1570 addetti.

Non solo la società assumerà anche buona parte dei lavoratori ex Gesip. Lo statuto della società prevede un capitale sociale di 1 milione di euro che sarà elevato fino a 4 milioni entro un anno dalla costituzione.

Su 1570 operatori ex Gesip, in cig in deroga fino al 31 dicembre 2014, 950 saranno al lavoro già dal 2 gennaio, mentre altri 620 saranno collocati in cig per altri 5 mesi fino al 31 maggio. «Avevo detto che non andavo a Roma - ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando - alla riunione dell'Anci per definire la costituzione della società consortile. Ho disertato l'incontro». Reset avrà anche un presidente, un cda, un collegio dei revisori e un'assemblea dei soci.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X