stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Brunori, Soleri e Massolo: tutti gli assi nella manica di Silvio Baldini
PLAYOFF SERIE C

Brunori, Soleri e Massolo: tutti gli assi nella manica di Silvio Baldini

di
palermo calcio, play off, serie c, Silvio Baldini, Palermo, Calcio
Samuele Massolo

Arriva un momento in cui non si può avere paura di nessuno. È qualcosa che senti dentro, una sensazione quasi inspiegabile. Ma che non è frutto del caso. Il Palermo allenato da Silvio Baldini si sente esattamente così. La sensazione, è che solo il Palermo possa fermare sé stesso. O gli episodi, che nel calcio determinano eccome.

Ma se i rosanero resteranno loro stessi anche domenica al Barbera, nel ritorno della semifinale contro la Feralpisaló, ed eventualmente anche (lo sperano i tifosi) nella doppia sfida in finale, il sogno Serie B può diventare realtà.

E questo desiderio è alimentato dai numeri, incredibili, della squadra di Baldini: 14 risultati utili consecutivi di cui 9 vittorie e 5 pareggi. Nessuno vanta questa striscia positiva così lunga tra le 4 squadre rimaste in gioco per un posto nella serie cadetta. Solo la Feralpisalò era a quota 9 ma si è dovuta fermare proprio contro l'ira funesta dei siciliani che hanno "affogato" la squadra di Vecchi sul lago di Garda. Un netto 0-3, un risultato da capogiro.

Il Palermo può avere solo paura di sé stesso, anche perché Baldini ha degli assi nella manica davvero importanti e che da qui alla fine potranno decidere le sorti del club.

Giocatori che fanno la differenza sempre e comunque. Brunori su tutti. C'era chi addirittura storceva il naso quando era rimasto a secco nelle prime due gare dei playoff. Poi l'italo-brasiliano ha risposto sul campo: gol a Chiavari nell'andata dei quarti di finale e gol all'andata delle semifinali, questo mercoledì, che equivale anche alla sua prima rete su azione in questi spareggi promozione. Il resto parla da sé: 27 reti stagionali, 18 solo nel 2022. Una macchina da guerra a cui non si potrà fare a meno da qui alla fine della lotteria. Lui che è ad un passo dal record di marcature in una sola stagione detenuto da un certo Luca Toni (30 gol nella stagione 2003-2004), mentre il 26enne è fermo a quota 27.

L'attaccante del Palermo inoltre è nella lista degli 11 diffidati e dovrà stare attento a non prendere il cartellino giallo, pena la squalifica.

Soleri è l'altra freccia nell'arco d'oro di Baldini: 13 gol da subentrato. Un dato clamoroso e a volte quasi inspiegabile. L'attaccante scuola Roma ha provato a "giustificarsi" così: "Anche da titolare gioco bene, è solo una casualità", le sue parole al termine di Feralpisaló-Palermo.

La sua ultima rete non è stata mica male: colpo di testa di Luperini, il pallone rimbalza due volte sul terreno di gioco e Soleri, al volo, la mette all'incrocio dei pali. La palla sbatte sul palo e si insacca alle spalle di un Liverani incolpevole.

Da un reparto a quello diametralmente opposto. Sì, perché anche Samuele Massolo sta stupendo tutti. Ha già parato due rigori in questi playoff, uno in casa con la Triestina e uno a Salò, mercoledì, quando ipnotizzó l'attaccante dei verdiblù Luca Miracoli. Per i giuliani, era stato invece Procaccio a sbagliare. O meglio, a farselo parare. Perché le risposte di Massolo sono state convincenti in entrambi i casi, tali da poter dire che non si è trattato di errori da parte di chi è andato dal dischetto. Non giocava, adesso è il "superman" personale a disposizione della squadra.

E poi c'è Damiani, il centrocampista rinato nelle ultime 3 partite dei playoff. Sempre titolare nelle ultime due contro Virtus Entella (gara di ritorno dei quarti) e Feralpisaló. Uno spezzone di gara invece a Chiavari, dove era entrato molto bene. "Non per niente l'Empoli lo aveva tenuto - ha detto Baldini in conferenza stampa mercoledi - ha avuto sempre grande qualità e ora è cresciuto molto". Come dargli torto? Suo è stato l'assist per il gol del raddoppio di Floriano, a Salò, 2 giorni fa.

Poi ci sono anche giocatori come Fella e Odjer, che quando sono entrati in campo hanno sempre dato tutto in termini di qualità ed energia fisica. Il primo, ha addirittura blindato l'accesso alla semifinale con il gol del 2-2 ai danni della squadra di Gennaro Volpe. Fu la rete che mandò in visibilio i 33.024 del Barbera. Il Palermo e le sue frecce, non possono avere paura di nessuno, solo di loro stessi.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X