stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio Burgio alla Vucciria, la pistola comprata "200 euro da un tunisino": ricostruito il delitto
LE INTERCETTAZIONI

Omicidio Burgio alla Vucciria, la pistola comprata "200 euro da un tunisino": ricostruito il delitto

omicidio, Vucciria, Emanuele Burgio, Palermo, Cronaca
Emanuele Burgio, il 26enne ucciso alla Vucciria

«Ho comprato la pistola 200 euro da un tunisino e sono andato a rovinarmi». E’ quanto avrebbe detto uno dei tre Romano, Giovan Battista, Matteo e Domenico, in questura mentre si trovavano in attesa di essere interrogati. Una delle tante prove che messe in fila hanno portato il gip Piergiorgio Morosini a convalidare i fermi e firmare l’ordinanza cautelare in carcere per i tre accusati dell’omicidio di Emanuele Burgio, alcuni giorni fa a Palermo.

Secondo la ricostruzione della squadra mobile, come si legge nell’ordinanza, i tre Romano sono arrivati a bordo di tre scooter insieme ad altre tre persone domenica notte nella zona della Vucciria. Le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza incastrerebbero Giovanni Battista figlio di Domenico. Il padre l’unico a rispondere al giudice avrebbe cercato di scagionare il figlio. Ma le telecamere avrebbero ripreso Giovanni Battista che tiene la pistola dietro la schiena la carica e la passa allo zio Matteo che in modo fulmineo inizia a sparare contro Emanuele Burgio. Quest’ultimo cerca di fuggire ma viene raggiunto con altri colpi di arma da fuoco.

La polizia scientifica ha trovato sul selciato sia alcune macchie di sangue che un’ogiva calibro nove e tre bossoli. Da chiarire ancora il movente dell’omicidio. Domenico l’unico indagato che ha parlato ha raccontato che tutto è iniziato dopo un banale incidente.

L'auto di Burgio avrebbe colpito Giovanni Battista con lo specchietto laterale. Da qui sarebbe nata la lite con numerosi tentativi di riappacificazione andati a vuoto, fino all’omicidio. Ma i tre Romano indagati hanno parlato nella saletta della questura prima di essere interrogati e Domenico rivolgendosi a Matteo disse: «Glielo hai detto che tre anni fa ti aveva scannato a bastonate?», e Matteo risponde: «Sì, al Calamaro», segno questo che le liti tra i Burgio e i Romano andavano avanti da tempo e che l’incidente di quindici giorni fa è solo l’ultimo episodio di una guerra che va avanti per altri interessi.

Intanto, in varie zone popolari di Palermo giovani hanno ricordato Burgio con musica napoletana a tutto volume la notte, caroselli di moto coi rumori rombanti delle marmitte, manifesti e altarini. Giovani hanno schierato le proprie moto alla Vucciria, a Ballarò e in altre zone popolari, e con musica napoletana e fuochi d’artificio, alzando foto con l’immagine della vittima "Resterai sempre nei nostri cuori", hanno ricordato il giovane assassinato che, dicono in molti, era uno che «si sapeva far voler bene» anche se altri dicono che «usava troppo le mani». In un muro della Vucciria vicino ai locali dei parenti di Burgio sono stati affisse numerose foto del giovane tratte da Facebook.

Un grande poster campeggia davanti al locale gestito da alcuni parenti di Burgio. La vecchia e famosa trattoria Zia Pina - nonna del padre di Emanuele - è chiusa da oltre un anno. A far rispettare il coprifuoco sono intervenuti gli agenti del reparto operativo in tenuta antisommossa. La salma di Emanuele Burgio si trova ancora al Policlinico in attesa della data per lo svolgimento dei funerali.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X