stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

La scomparsa di Santo Alario, svolta dal Dna: i resti trovati a Caccamo sono suoi

di
scomparsi, Santo Alario, Palermo, Cronaca
Giovanni Guzzardo e Santo Alario

Quei resti, ritrovati a giugno in contrada Gurgo, nelle campagne di Caccamo, per il Ris dei carabinieri appartengono a Santo Alario, l'uomo di 42 anni scomparso da Capaci il 7 febbraio dell'anno scorso e che, secondo la Procura di Termini Imerese, sarebbe stato ucciso da Giovanni Guzzardo che, tuttavia, da questa accusa è stato assolto a luglio. Anche perché mancavano un cadavere e un'arma.

La notizia è riportata sul Giornale di Sicilia oggi in edicola.

Ora che le ossa e gli indumenti individuati quest'estate vengono ritenuti compatibili dagli inquirenti con quelli della vittima, il procuratore capo Ambrogio Cartosio ed il sostituto Daniele Di Maggio hanno deciso di appellare la sentenza di primo grado.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X