stampa
Dimensione testo
IL BLITZ

Mafia a Palermo, il genero di Inzerillo: "A 2 anni mio figlio con la pistola"

mafia palermo, Giuseppe Spatola, Tommaso Inzerillo, Palermo, Cronaca
Giuseppe Spatola

«A 2 anni gli devo mettere il 38 (la calibro 38, ndr) in mano». È il "regalo" che Giuseppe Spatola, genero del boss di Passo di Rigano Tommaso Inzerillo, aveva in programma di fare al figlio non appena avrebbe compiuto due anni. Un retroscena assurdo che emerge da una delle intercettazioni dell'inchiesta «New Connection», che ha portato all'arresto di 19 persone e decapitato i vertici del clan di Passo di Rigano, guidato dagli Inzerillo, tornati a Palermo negli anni Duemila dagli Usa, dove erano fuggiti durante la guerra di mafia di Totò Riina.

Come si legge in un articolo di Sandra Figliuolo sul Giornale di Sicilia di oggi, Spatola si trova sul suo fuoristrada con altri due degli indagati, Benedetto Gabriele Militello e Antonio Di Maggio e si vanta esclamando «A 2 anni gli devo mettere il 38 nelle mani e ti devo fare saltare le candelette in aria… Ma carabiniere se a 3 anni non lo devo fare sparare». E lascia intendere che ha già una pistola conservata per il bambino.

Altri dettagli sui retroscena dell'inchiesta "New Connection" sul Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X