stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Modella trovata morta in casa, un’amica: era come una stella
IL GIALLO

Modella trovata morta in casa, un’amica: era come una stella

di
Giusy Ranucci trovata morta nella sua abitazione a Partanna Mondello. La causa potrebbe essere un malore

PALERMO. Prende il cellulare dalla tasca e cerca una foto, la trova e la fa vedere a chi è vicino. «Guardatela, guardaterla bene. Quando entrava in una stanza, era come se ci fosse solo lei. Un cono di luce la illuminava quando camminava, e non solo perchè era bella. Era tutto quello che una donna deve essere». Un'amica di Giusy Ranucci, 22 anni, sussurra queste parole e poi scoppia a piangere. Si erano viste il giorno prima della tragedia. Giusy era una ragazza bellissima, una modella, ma senza grilli per la testa. Stava col suo ragazzo da tantissimi anni, e ne era pazzamente innamorata. Era nota per aver vinto nel 2009 il titolo di «Miss Fano Italian Star», aveva partecipato a vari programmi in televisione e girato qualche spot, ma non aveva mai perso l'umiltà.

Trovata morta dai genitori. Giusy Ranucci è stata trovata morta nella sua abitazione a Partanna Mondello.  I genitori non appena si sono svegliati avrebbero chiamato il 118 per segnalare che la figlia non dava segni di vita e non riuscivano a rianimarla.  I sanitari arrivata in casa della giovane in via Cassiopea hanno potuto constatare la morte. Le cause non sono ancora chiare. Indagini sono in corso da parte della polizia.

L'ipotesi più accreditata sarebbe quella di un malore. 

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, Giusy non avrebbe mai sofferto di alcuna patologia pregressa, anche se negli ultimi giorni aveva accusato dei dolori al petto, così forti da doversi recare in pronto soccorso.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X