stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia Chiuso e smantellato, le immagini del cantiere al Baby Luna di Palermo: un nuovo futuro

Chiuso e smantellato, le immagini del cantiere al Baby Luna di Palermo: un nuovo futuro

«Ci vediamo al Baby Luna?». Da qualche mese ormai, precisamente dal 4 aprile scorso, questa domanda, che ha accompagnato palermitani e viaggiatori per quasi mezzo secolo, non può più essere posta. Ma si sa, certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano. Così, passando per il ponte Corleone - ahi loro -, sarà capitato ad alcuni automobilisti, fra un clacson, un pensiero e parole poco carine verso altri mezzi, di intravedere alcuni lavori proprio lì dove continua a sorgere lo storico bar tabacchi di viale Regione Siciliana, civico 1843.

Storico bar, tabacchi, caffetteria, pizzeria, ristorante e pub della circonvallazione fin dal 1978 è stato il punto di riferimento di tutti i palermitani. Gestito dalla famiglia Fiore, era un luogo di ritrovo conosciuto da tutti, tanto dai cittadini quanto dai viaggiatori che lì facevano la loro sosta. Ma non era soltanto un luogo di ritrovo.

Il Baby Luna ha rappresentato un luogo sicuro anche per i tantissimi autotrasportatori, che prima di lasciare Palermo e mettersi in viaggio potevano riposare, consumare un pranzo e comprare le sigarette. Poi la crisi. Prima la difficile situazione del Covid, che ha imposto le chiusure per mesi, poi la difficile accessibilità al locale per via dell’inizio dei lavori al ponte proprio sotto il periodo natalizio, tanto atteso dai dipendenti e dai proprietari per quello che doveva essere l’inizio della ripersa economica.

Dal mese di dicembre, invece, è calato il buio sull’attività. Infatti, era diventato ormai impossibile raggiungere il parcheggio del bar-tavola calda. Lo storico bar ha retto quanto ha potuto. Dopo pochi mesi, però, è stato costretto ad arrendersi al suo destino.

Così, il 4 aprile scorso, proprio nei giorni della Pasqua, la Ge.Co srl, della famiglia Fiore, è stata costretta a chiudere e consegnare le lettere di licenziamento ai 9 dipendenti. Il Baby Luna, ormai, era diventato il fantasma di sé stesso. Un fantasma che vagava nel deserto, isolato e tagliato fuori dal resto della città.

Adesso, però, qualcosa sembra muoversi. Più di qualcosa. Sul futuro c’è ancora grande riserbo, ma presto si potrebbero conoscere le novità. La struttura, infatti, è in fase di smantellamento: all'interno ruspe e un cantiere vero e proprio. Ecco le immagini dal Baby Luna, per il quale adesso è previsto un nuovo futuro.

© Riproduzione riservata

TAG:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X