stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio alla Vucciria, 3 fermi per il delitto di Emanuele Burgio: gli spari dopo un diverbio per strada
PALERMO

Omicidio alla Vucciria, 3 fermi per il delitto di Emanuele Burgio: gli spari dopo un diverbio per strada

mafia, omicidio, Vucciria, Emanuele Burgio, Palermo, Cronaca
Emanuele Burgio, il 26enne ucciso alla Vucciria

Tre fermi a Palermo nella notte per l'omicidio di Emanuele Burgio, il 26enne ucciso domenica sera alla Vucciria. I tre sarebbero stati inchiodati dalle telecamere di alcuni dei tanti esercizi commerciali che si trovano tra i vicoli del quartiere, tra via dei Cassari e via dei Tintori, zona nevralgica della movida palermitana.

I fermati sono Matteo Romano, 39 anni; il fratello Domenico Romano, 49 anni; e il figlio di quest'ultimo Giovanni Battista Romano, 29 anni.

I fermi sono stati effettuati da parte degli uomini della Squadra Mobile diretta da Rodolfo Ruperti. Le indagini hanno accertato che l'omicidio sarebbe avvenuto dopo una lite scoppiata tra Burgio e i tre presunti assassini per futili motivi.

In particolare dalle indagini emerge che l’omicidio sia stato l'epilogo di un banale screzio fra Burgio e Giovanni Battista Romano, a quanto pare legato a un diverbio stradale. Quella contesa, che sembrava sopita, riesplodeva senza una ragione apparente tra i vicoli della Vucciria la notte di domenica, coinvolgendo più persone.

Al culmine della lite pare che Matteo Romano abbia impugnato una pistola e fatto fuoco contro Emanuele Burgio, che aveva tentato una fuga durata solo pochi metri. La vittima, ferita da più colpi di pistola, che lo avevano raggiunto al torace e alle spalle, venne subito trasportato in ospedale ma morì poco dopo il ricovero.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X