stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, omicidio alla Vucciria: ucciso il figlio di un condannato per mafia, si indaga sullo spaccio di droga
VIA DEI CASSARI

Palermo, omicidio alla Vucciria: ucciso il figlio di un condannato per mafia, si indaga sullo spaccio di droga

omicidio, Emanuele Burgio, Palermo, Cronaca
Emanuele Burgio

Omicidio a Palermo. Un giovane di 26 anni, Emanuele Burgio, è stato ucciso con colpi d'arma da fuoco nel mercato della Vucciria a Palermo, nel cuore della movida.

Le indagini sono condotte dalla squadra mobile e dai primi riscontri si ipotizza che il movente sia da ricercare nei dissidi sul controllo dello spaccio della droga. Le immagini delle videocamere della zona, al vaglio da ore, hanno ripreso in azione un commando di tre uomini. Alcune persone intanto sono state condotte in questura per essere interrogate.

L'agguato

L'omicidio è avvenuto, intorno all'una, in via dei Cassari. Dopo la sparatoria, alcuni parenti hanno trasportato la vittima al Policlinico, ma è morto al pronto soccorso dove è arrivato in condizioni gravissime.

Appresa la notizia, in ospedale sono accorse circa trecento persone: la morte di Burgio ha infatti scatenato la rabbia di alcuni dei presenti, soprattutto tra parenti e amici, che volevano vedere il corpo del giovane a tutti i costi. La polizia ha poi riportato la calma.

Emanuele Burgio è figlio di Filippo, già condannato per mafia. Quest'ultimo fu coinvolto nell’operazione dei carabinieri “Hybris” del luglio 2011 ed è stato condannato con sentenza definitiva a 9 anni. Per gli inquirenti teneva la cassa della famiglia di Palermo centro e per un periodo avrebbe gestito la posta dell’allora latitante Gianni Nicchi.

Emanuele Burgio

A far scattare l'allarme è stata una telefonata di un residente della Vucciria alla centrale della polizia a Palermo. L'uomo ha raccontato agli agenti di avere sentito dei colpi d'arma da fuoco sparati nel cuore della notte. Sul posto gli agenti delle volanti hanno trovato tracce di una sparatoria e poi è arrivata la telefonata dai medici del Policlinico. Per tutta la notte alla squadra mobile sono stati sentiti i parenti e gli amici della vittima.

L'omicidio di stanotte ha scosso tutto il quartiere. "Un inaccettabile atto di violenza in città - commenta il sindaco Leoluca Orlando -. L'omicidio in Vucciria ci ricorda che non dobbiamo mai abbassare la guardia contro ogni forma di violenza. Esprimo un sentito ringraziamento alle forze dell'ordine e alla magistratura per l'intenso lavoro che stanno svolgendo in queste ore per fare luce sul delitto".

Le indagini

Gli uomini della squadra mobile hanno portato in questura per interrogarle una serie di persone. Si tratterebbe di uomini del quartiere del Borgo Vecchio con cui la vittima aveva avuto dei contrasti.

La nonna della vittima avrebbe indicato alcune persone del quartiere popolare come possibili responsabili dell'agguato. Secondo i primi accertamenti, Burgio già nei giorni scorsi avrebbe avuto violenti scontri per contrasti sulla gestione delle piazze di spaccio della droga.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X