stampa
Dimensione testo
IL PROCESSO

Mafia, spunta un alibi per il boss Mineo: “In ospedale e non al summit della Cupola”

mafia, Palermo, Cronaca
Il boss Settimo Mineo

Era il 29 maggio del 2018 quando, secondo la Procura, in una casa diroccata di Baida si sarebbe tenuto un summit fondamentale per la ricostituzione della Commissione provinciale di Cosa nostra. Ma, come scrive Sandra Figliuolo sul Giornale di Sicilia in edicola, spunta un alibi per il vecchio capomandamento di Pagliarelli, Settimo Mineo.

L’uomo, designato a prendere il posto che fu di Totò Riina a capo della Cupola, avrebbe trascorso tutta la mattinata, almeno fino all'ora di pranzo, all'ospedale Ingrassia per analisi e accertamenti. La sua difesa dunque solleva il dubbio: poteva effettivamente partecipare anche al vertice dei boss, che si sarebbe tenuto intorno a mezzogiorno? Gli avvocati Stefano Santoro e Giovanni Restivo hanno depositato la documentazione sanitaria al processo nato dall'operazione dei carabinieri «Cupola 2.0» di un anno fa.

Tra le carte depositate dagli avvocati anche una ricevuta fiscale di 900 euro per l'acquisto di una caldaia da parte di Mineo ma in un negozio in cui però - secondo la Procura - poco tempo prima avrebbe imposto il pizzo. Due elementi che secondo la difesa si contraddicono.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X