stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Palermo, Corini: «Col Como gara difficile ma noi vogliamo crescere ancora»
SERIE B

Palermo, Corini: «Col Como gara difficile ma noi vogliamo crescere ancora»

di

"Oggi abbiamo un campionato difficile, e noi stiamo lavorando con un obiettivo preciso. Sappiamo tutti dove vogliamo arrivare, quale sogno abbiamo, ma dobbiamo guardare una partita alla volta". Corini predica calma alla vigilia del match contro il Como, in programma giovedi (domani) alle 20:30 allo stadio Renzo Barbera. Per l'allenatore bresciano non si deve mai dimenticare il punto di partenza, sottolineando i progressi della squadra dopo la batosta di Terni di un mese e mezzo fa: "Spesso il punto di partenza si dimentica, invece va ricordato. C'è stato un percorso per far crescere i giocatori sia singolarmente che in gruppo, concentrandoci sulla tattica e puntando a far risultato. Il post Terni è dare una forma alla sostanza, rispetto a quello che siamo e cosa vogliamo essere. So che è difficile farlo capire a volte. Io credo che questa squadra può crescere, anche guardando le altre partite. Non si riparte semplicemente in fase di attacco, ma c'è un lavoro dietro".

Sulle condizioni degli infortunati ha fatto chiarezza, non nascondendo poi ottimismo dopo la vittoria a Benevento: "Ci sono ancora della cose da valutare, siamo fiduciosi di poter recuperare qualcuno. Abbiamo ancora due allenamenti per capire bene. I convocati arriveranno infatti tra stasera e domani mattina. Benevento ci ha lasciato una sensazione positiva, abbiamo retto bene la partita, con qualità e costanza. È un percorso nato da lontano e non a Benevento, ma è una crescita continua". Corini a specifica domanda sul livello del campionato e sulla strana classifica di Serie B, ha poi detto: "Di solito 2-3 squadre hanno meno punti, invece l'ultima è vicinissima. C'è una classifica schiacciata ed è un campionato equilibrato e non prevedibile. Questo ci deve far pensare a chi siamo e cosa possiamo fare. Nei turni infrasettimanali c'è sempre un pizzico di imprendibilità e bisogna approfittarne. Con una classifica così corta, faccio fatica a capire". La sessione invernale del calciomercato potrebbe poi risultare decisiva a detta dell'allenatore: "Il mercato di gennaio in B ha sempre spostato gli equilibri, quindi bisogna lavorare su tanti livelli. Oggi dobbiamo impegnarci al massimo in questa fase finale dell'anno". Sull'umore dei tifosi ha poi concluso: "Il pubblico è esigente, e lo sappiamo. Vuole le prestazioni, che secondo me ci sono sempre state, ma il risultato condiziona spesso. Abbiamo la piena consapevolezza di cosa fare, dare risposte in campo ed accettare l'umore del tifoso. Abbiamo dimostrato di saper reagire nei momenti difficili. E questo dobbiamo mettere in campo domani sera".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X