stampa
Dimensione testo

Amministrative 2022

Home Amministrative 2022 Palermo, Miceli attacca Lagalla: «Sui voti della mafia continua a mentire»
LE ELEZIONI DEL 12 GIUGNO

Palermo, Miceli attacca Lagalla: «Sui voti della mafia continua a mentire»

amministrative 2022, Enrico Letta, Franco Miceli, Marcello Dell'Utri, Roberto Lagalla, Totò Cuffaro, Palermo, Amministrative 2022
Franco Miceli all'a manifestazione di ieri con il ministro della Salute Roberto Speranza (foto Fucarini)

«Roberto Lagalla mente ai cittadini e dimostra ogni giorno che le sue parole non hanno peso». Lo dice Franco Miceli, candidato del centrosinistra a sindaco di Palermo, commentando la replica a Enrico Letta del candidato del centrodestra. «Mente - spiega - quando dice che la sua parte politica apprezza il reddito di cittadinanza, proprio mentre tutte le forze che lo sostengono lo vogliono abolire e lo bollano come “cultura assistenzialista”, “metadone di Stato”, “paghetta offensiva”, “soldi rubati da chi non fa una mazza”. Per non parlare di Schifani che proprio davanti a Lagalla ha definito “parassita” chi percepisce il reddito di cittadinanza, misura perfettibile ma fondamentale in questo momento di grande crisi economica e di avanzamento della povertà».

Ma Miceli attacca l’ex rettore anche sulla questione mafia. «Allo stesso modo - afferma l’architetto - Lagalla mente quando dice di non volere i voti dei mafiosi. C'era un modo di dirlo, lanciando un messaggio inequivocabile, non accettare pubblicamente l’appoggio dei condannati per reati connessi alla mafia Cuffaro e Dell’Utri. Invece - aggiunge - con il primo si sono abbracciati sul palco. Il secondo è bastato facesse un endorsement nei suoi confronti dall’Hotel delle Palme perché si ritirassero 4 candidati del centrodestra. E lui non mi pare proprio abbia mai rifiutato questo gradimento».

Per concludere, dice Miceli, «Lagalla è appoggiato da una accozzaglia litigiosa che non fa altro che impegnarsi in nomine e spartizioni di ruoli e poltrone che non avranno mai proprio perché non sta producendo neanche una proposta per Palermo, che ha fame di concretezza e impegni reali. Infatti, è nella massima coesione che io e la coalizione che mi sostiene stiamo elaborando e proponendo interventi e modalità di governo che piacciono ai cittadini: abbiamo messo al centro la partecipazione e competenze, lasciando fuori tutti insieme ogni ombra e oscurità di dubbia provenienza».

Anche il vice di Letta, Peppe Provenzano, che è siciliano (di San Cataldo) replica a Lagalla. «Oggi il candidato della destra a Palermo, Lagalla, accusa la sinistra di alimentare il clima d’odio nei suoi confronti per la polemica sul sostegno di Cuffaro e Dell’Utri. Accusa persino il nostro segretario Letta di strumentalizzare la battaglia sulla legalità. Noi - dichiara il vicesegretario dei dem -  abbiamo solo chiesto parole chiare e atti conseguenti, a partire dal rendere omaggio alle vittime della feroce violenza mafiosa che ha insanguinato Palermo e la Sicilia (ricordiamocelo sempre, quando si parla di violenza). A Lagalla abbiamo chiesto qualcosa di molto preciso: prendere le distanze da Dell’Utri e Cuffaro. Dire che non si accettano non solo  i voti della mafia, e ci mancherebbe, ma nemmeno il sostegno di chi è stato condannato per concorso esterno o per aver favorito un mafioso. Aspettiamo ancora».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X