Palermo, c'è la tregua dopo la protesta: "Rom a Ciaculli soluzione temporanea"

Il giorno dell'incontro è anche quello della tregua sul fronte rom a Ciaculli. I residenti della borgata palermitana hanno incontrato l'assessore alla Cittadinanza Solidale, Diritto e Dignità dell'Abitare Giuseppe Mattina dopo la protesta per il trasferimento di 14 rom che hanno lasciato il campo della Favorita.

"La sistemazione è temporanea - assicura l'assessore Mattina -. I rom stanno seguendo le stesse procedure delle altre famiglie che ricevono una casa in emergenza abitativa, con gli stessi tempi. Ma integrazione e accoglienza restano gli obiettivi, i rom sono una risorsa di questa città e ci permettono di capire meglio quali sono le sue difficoltà".

Il futuro della borgata? "Abbiamo fissato per il 15 aprile un incontro con l'assessore all'Urbanistica".

Ed è il miglioramento di Ciaculli ciò a cui puntano i residenti: "Stiamo pensando a un'associazione per rendere il territorio più fruibile - rivela Benedetto Mandalà -. La borgata si presta all'espansione turistica, ad agriturismo e strutture ricettive. Ma vista la sua posizione periferica non è certo il luogo ideale dove ospitare famiglie che hanno bisogno di integrarsi".

Anche Salvo Cerrito sottolinea la necessità di investire su Ciaculli. "Siamo disposti a un confronto e ad accogliere chiunque se la scelta è frutto di mediazione - commenta -. Ma chiediamo la stessa attenzione perchè la nostra è una zona degradata che ha bisogno di interventi".

Nel video di Marcella Chirchio interviste ai due residenti e all'assessore Mattina.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X