stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Ipotesi mafiosa per la sparatoria del Borgo Vecchio, indagini affidate alla Dda - Video

Ipotesi mafiosa per la sparatoria del Borgo Vecchio, indagini affidate alla Dda - Video

PALERMO. Panico nella piazza di Borgo Vecchio, a Palermo per una sparatoria. I poliziotti, intervenuti con una decina di volanti sul posto, hanno trovato per terra bossoli di due pistole e le cartucce di un fucile a canne mozze. Non ci sarebbero feriti e non ci sono tracce di sangue. La piazza è stata chiusa per consentire i rilievi della polizia scientifica. I bossoli e le cartucce sono state ritrovate vicino alla bottiglieria Tantillo.

Una rissa finita tra gli spari. E' quanto successo in piazza Ximenes al Borgo Vecchio a Palermo. Almeno tre persone hanno sparato. I poliziotti hanno trovato appunto i bossoli e ogive di una calibro nove, una calibro 22 e un fucile a canne mozze. La piazza è stata chiusa per consentire agli uomini della Scientifica di esaminare la scena e raccogliere tutte le munizioni trovate per strada.

Al momento sembra che non ci sono testimoni anche se attorno alle 21 nella zona c'era diversi passanti e alcuni avventori dei locali del Borgo Vecchio. Inizialmente qualcuno aveva chiamato il 113 dicendo che c'era una rissa. Poi si sono uditi i colpi di pistola e fucile. Una decina. Nessuno sarebbe andato a segno. Non ci sono tracce di sangue nella zona della sparatoria. Nessuno ha chiesto l'intervento del 118. Resta da capire cosa ha scatenato la sparatoria. Gli agenti stanno sentendo quanti si trovavano nella zona. Ma sembra che al momento nessuno ha sentito o visto nulla.

Sarà la Dda di Palermo a occuparsi della sparatoria di ieri sera nella piazza principale del quartiere Borgo vecchio, circostanza che fa presumere che gli investigatori ipotizzano la pista mafiosa. La polizia sta interrogando gli abitanti della zona, ma nessuno avrebbe visto nulla, nonostante il quartiere ospiti uno dei principali mercati secolari della città. Sul posto sono stati trovati bossoli di un fucile a canne mozze e di due pistole, ma non ci sarebbero tracce di sangue a terra né negli ospedali della città sarebbero stati portati feriti nelle ultime ore. L'inchiesta è coordinata dal pm Francesco Grassi. La polizia è stata avvertita da una telefonata anonima che ha segnalato una rissa in corso.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X