stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Fondi Covid, il ragioniere del Comune di Palermo: «Usati per coprire i buchi»
SALA DELLE LAPIDI

Fondi Covid, il ragioniere del Comune di Palermo: «Usati per coprire i buchi»

Palermo, Politica
Paolo Basile

Trentuno milioni stanziati dal governo nazionale per ristori ai commercianti palermitani sono stati usati dalla giunta Orlando per tappare i buchi in bilancio. Quelle somme avrebbero potuto essere destinate a sconti su Tari e Imu alle imprese che hanno subito gravi perdite a causa della pandemia, ma l’amministrazione comunale ha deciso, legittimamente, di non ristorare le attività commerciali per cercare di sistemare in qualche modo i suoi conti.

La finalità della legge era compensare le minori entrare

A mettere la parola fine alla questione, sollevata nei giorni scorsi in un’altra seduta di consiglio, è stato oggi, nel corso dell’assemblea di Sala delle Lapidi on line, il ragioniere generale del comune di Palermo Paolo Bohuslav Basile, il quale, su sollecitazione del presidente del consiglio Totò Orlando ha spiegato che «la finalità principale della norma era quella di consentire ai comuni di compensare le minori entrate durante la pandemia e che i fondi si potevano anche usare per ristorare le attività produttive e commerciali», con agevolazioni su Tari e Imu. Presente per l’amministrazione comunale soltanto Sergio Marino, assessore al bilancio, il quale ha detto che «nel 2020 il Comune ha certificato circa 50 milioni tra minori entrate e maggiori spese».

L'opposizione: "La verità è emersa"

«Finalmente oggi è emersa la verità: i 31 milioni di euro stanziati dal governo nel 2020 e che il comune di Palermo ha usato per coprire i buchi di bilancio - dice Dario Chinnici, capogruppo Italia Viva - potevano essere impiegati per i ristori ai commercianti colpiti dalla pandemia. Cosa che denunciamo da due giorni, nonostante i goffi tentativi di smentita della giunta e di qualche partito di maggioranza, e che oggi è stata ufficializzata dagli uffici. Adesso vogliamo sapere come sono stati spesi questi soldi, centesimo per centesimo, sperando che il sindaco Orlando trovi il coraggio di spiegare alla città le sue scelte vergognose». Con i 31 mln dati dallo Stato il ragioniere generale si è comportato di conseguenza, su indicazione della giunta.

Altri 55 milioni disponibili ma ancora bloccati

Sarebbero disponibili altri 55 milioni per il 2021, in attesa di essere impegnati perché il bilancio di previsione non è stato ancora approvato. Il presidente Orlando ha proposto di destinarli per coprire gli extra costi Rap, 26 milioni spesi per portare i rifiuti nelle discariche del Catanese dopo la saturazione di Bellolampo. Marino si è detto disponibile a prendere in considerazione l’iniziativa e a portarla in Giunta; l’obiettivo è evitare aumenti nella bolletta Tari e proteggere la Rap.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X