stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, la Virgin resta sotto sequestro ma le palestre potrebbero riaprire
SENTENZA

Palermo, la Virgin resta sotto sequestro ma le palestre potrebbero riaprire

Palermo, Cronaca
la palestra Virgin Active di Via Ventura

Il giudice per le indagini preliminari Fabio Pilato ha respinto il ricorso del proprietario dei locali dove è ospitata la palestra Virgin che restano così sotto sequestro. La difesa presenterà un nuovo ricorso al tribunale del Riesame. Il giudice Pilato nel provvedimento afferma che «l’eccessivo prolungarsi della fase delle indagini preliminari nella permanenza di un sequestro che comporta una sostanziale frustrazione dei diritti della difesa». Sono trascorsi 13 mesi e, scrive il giudice, «una volta escluso il pericolo di crollo originariamente paventato (è per questo che scattò l’iniziale sequestro ndr) si ritiene che la eccessiva durata del sequestro realizzi una oggettiva sproporzione fra le reali esigenze di tutela preventiva e ripercussioni pratiche scaturenti dalla totale paralisi di un attività produttive (dipendenti, depauperamenti aziendali eccetera)».

L'attività potrebbe riprendere limitando gli ingressi

Secondo il gip la soluzione per far riprendere l’attività potrebbe passare «attraverso una limitazione numerica dell’afflusso di pubblico ovvero mediante la limitazione delle attività sportive contemporaneamente praticabili onde contenere lo sfruttamento dei servizi entro il limite del carico urbanistico preesistente».

L'azienda che gestisce le strutture: "Non vogliamo chiudere"

Prima della sentenza l'azienda aveva ribadito di non voler chiudere il club Virgin Active di Palermo, l'immobile dove si trovano le palestre, le piscine e gli spazi fitness. «Smentiamo - dice la nota - di avere espresso l’intenzione di chiudere il club prima di conoscere la decisione a seguito della nuova istanza di dissequestro dell’immobile di cui Virgin Active è affittuaria. Attendiamo quindi che la giustizia faccia il suo corso e siamo fiduciosi che questa situazione possa evolversi positivamente. Stiamo seguendo la vicenda con grande attenzione sperando di poter annunciare quanto prima la riapertura ai nostri 50 dipendenti e collaboratori, la cui situazione abbiamo particolarmente a cuore. Auspichiamo inoltre di poter dare una risposta anche ai nostri clienti che aspettano notizie da mesi. I loro messaggi di solidarietà ci fanno sentire ancora più legati a questa città che ci ha accolto con grande entusiasmo dimostrandosi particolarmente ricettiva ad una filosofia che lega il fitness al benessere. Ribadiamo che a tutt’oggi non abbiamo nessuna conferma ufficiale di cosa accadrà nei prossimi mesi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X