stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, i cinghiali sulle tombe dei Rotoli. L'assessore: "Fermeremo lo scempio"
LA PROMESSA

Palermo, i cinghiali sulle tombe dei Rotoli. L'assessore: "Fermeremo lo scempio"

L'assessore Toni Sala: "Posizioneremo dei dispositivi per impedire agli animali di accedere all’area cimiteriale, evitando così i danni alle sepolture e lo faremo nel più breve tempo possibile"
Palermo, Cronaca
Un cinghiale morto accanto a una tomba

Non c'è pace per i morti al cimitero dei Rotoli, flagellato pure dalla piaga dei cinghiali che fanno incursione sui campi di inumazione e sulle salme sfrattate e riesumate dalle tombe dei privati e rimesse nei depositi, come anticipato dal Giornale di Sicilia nei giorni scorsi. Da più di un mese scendono da Monte Pellegrino oltrepassando agilmente, già nel primo pomeriggio, i varchi delle reti paramassi fino ai campi di inumazione in cerca di cibo. Cinghiali a branchi scavano sulle sepolture senza ricordo e pietà, scavano perché per loro quella è terra e per loro significa cibo tra radici e tuberi.

Scempio si aggiunge allo scempio. Adesso il Comune di Palermo prova a fermare l'avanzata dei cinghiali ai Rotoli.  «La presenza di cinghiali su monte Pellegrino, e quindi anche nelle aree limitrofe al cimitero dei Rotoli, è un problema purtroppo noto che il Comune di Palermo sta provando ad affrontare in collaborazione con tutti gli enti coinvolti. Posizioneremo dei dispositivi per impedire agli animali di accedere all’area cimiteriale, evitando così i danni alle sepolture e lo faremo nel più breve tempo possibile, ricorrendo anche a una specifica ordinanza. La Reset ha, però, l’obbligo contrattuale di intervenire nelle aree danneggiate, anche se dovesse farlo ogni giorno, e su questo non transigeremo». Lo dice l’assessore comunale ai Cimiteri di Palermo, Toni Sala.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X