stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca A Palermo positivi due dipendenti delle Poste. L'Asp: "Rispettare le misure di contenimento"
L'EPIDEMIA

A Palermo positivi due dipendenti delle Poste. L'Asp: "Rispettare le misure di contenimento"

Sarebbero due i dipendenti di Poste Italiane, in servizio al centro meccanico di smistamento di via Ugo La Malfa, risultati positivi al Coronavirus. Si tratta, secondo quanto apprende l’Italpress, di un’impiegata che si occupa delle raccomandate, che avrebbe accusato febbre e altri sintomi ma che non è ricoverata in ospedale, al quale si sarebbe aggiunto un collega nel tardo pomeriggio di ieri. Secondo quanto prevede il protocollo anti Covid-19, è stato avviato il tracciamento dei contatti (contact tracing) per risalire ai colleghi che hanno avuto contatti con la dipendente. Cinquanta in tutto sarebbero le persone in quarantena, in attesa di tampone. «Due dipendenti del centro meccanico di smistamento delle Poste di Palermo, in via La Malfa, sono risultati positivi al covid19. Dopo il caso di una donna, ieri nel tardo pomeriggio, questa mattina si è registrato un secondo caso - dice il segretario di Cisl Poste, Maurizio Affatigato -. Mi dicono che finora sono stati eseguiti tre tamponi e che in cinquanta sono in isolamento. Spero che nelle prossime ore tutti i dipendenti siano controllati».

Ieri in Sicilia il numero più alto di nuovi positivi  è stato registrato a Siracusa con 16 positivi (undici a Canicattini Bagni). Altri nove sono stati registrati a Catania, tra loro un bambino di un asilo nido dell’hinterland della provincia etnea, con i medici dell’Asp che hanno subito tracciato i contatti e hanno messo in quarantena i tredici compagni, con i rispettivi familiari, e tre operatori (negativi i primi tamponi).

Sempre nel catanese, positivo un cittadino straniero e due che si sono presentati al pronto soccorso, accusando sintomi dell’infezione, sei sono stati scoperti con il contact tracing. A Palermo i nuovi casi sono 5, uno di loro è un migrante. Un caso ciascuno è stato rilevato nelle provincie di Messina e Ragusa. Nella città dello Stretto, un paziente è stato portato in rianimazione, e sono tre i malati in tutto in terapia intensiva al Policlinico

“La nostra Regione ha dimostrato in questi lunghi mesi grande senso di responsabilità nel contenere il contagio da Covid-19. Non possiamo ora vanificare gli sforzi fatti. Pertanto, l’invito rivolto a tutti i cittadini è di non abbandonare le regole di prudenza, soprattutto, nel mantenimento della distanza interpersonale e nell’utilizzo della mascherina, allontanandosi, ove possibile, da assembramenti che sono, sempre, una fonte di rischio”. E’ l’appello che il direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni, rivolge ai palermitani nella settima che culminerà con il week end di Ferragosto.
“C’è la sensazione che l’epidemia sia ormai alle spalle – ha proseguito il Direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale – ma, purtroppo, il virus è ancora presente e ci rende vulnerabili. L’Asp di Palermo è in questo momento impegnata nel garantire le attività che possano essere di sostegno a tutta la società per contrarre il rischio dei contagi. Per questo motivo, si esortano, soprattutto, gli esercizi pubblici a mantenere alto il controllo all’interno delle strutture, affinché queste giornate deputate al divertimento ed alla spensieratezza, rimangano tali per tutti.
L’Asp – ha aggiunto il Direttore generale Daniela Faraoni -  è chiamata anche ad affiancare le forze dell’ordine per i dovuti controlli che dovranno essere intensificati, tanto da richiamare in servizio tutti i Tecnici della Prevenzione che svolgeranno la loro attività incessantemente  H24, da venerdì 14 agosto a domenica 16 agosto. L’azione - concentrata, soprattutto, nella parte della nostra provincia più frequentata in questo particolare periodo festivo – è finalizzata a verificare che vengano rispettate le indicazioni in vigore, sia per quanto riguarda l’emergenza coronavirus, sia pure nella somministrazione di alcolici. Ai giovani della nostra comunità, che sono stati esemplari durante il lockdown – ha concluso Daniela Faraoni -  va la raccomandazione di evitare qualunque forma di eccesso, che non è garanzia di divertimento, e mettere in atto comportamenti responsabili anche a sostengo di altri giovani che possano presentare momenti di fragilità nel rispetto delle regole. L’occasione è propizia per ringraziare tutti quanti per il contributo che potranno offrire a favore della comunità”.
"In riferimento alla situazione del Centro di Smistamento di via Ufo la Malfa, a Palermo, Poste Italiane precisa di aver rispettato il protocollo sanitario vigente". Lo ha reso noto Poste Italiane. "L'Azienda - si legge in una nota - dopo aver prontamente sanificato gli ambienti di lavoro a tutela del personale e della clientela, rassicura i cittadini sul regolare svolgimento del servizio di recapito nel territorio interessato. Per tutte le informazioni riguardanti le misure di contenimento del Covid è disponibile il sito www.poste.it".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X