stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il portiere della mafia a Tommaso Natale: "Enea sentinella dei boss dalla guardiola"
PALERMO

Il portiere della mafia a Tommaso Natale: "Enea sentinella dei boss dalla guardiola"

mafia, Giulio Caporrimo, Giuseppe Enea, Palermo, Cronaca
Giuseppe Enea

Un portiere di un grande residence di via Tommaso Natale accusato si essere sentinella della mafia a Palermo. Secondo gli inquirenti Giuseppe Enea, 30 anni, arrestato la scorsa settimana nella retata contro il clan capeggiato da  Giulio Caporrimo, controllava i lavori in zona, l’arrivo dei camion, la presenza degli imprenditori. E poi riferiva ai boss che organizzavano estorsioni e furti.

Enea, come scrive Leopoldo Gargano sul Giornale di Sicilia in edicola, è l’unico fra i 10 arrestati dell’inchiesta e risponde di due estorsioni aggravate dal favoreggiamento a Cosa nostra, assieme a suo cugino, il capomafia Nunzio Serio, Francesco Paolo Liga ed a Vincenzo Taormina, un impiegato della Rap che in realtà gestisce un’impresa edile vicina all’organizzazione.

Secondo la ricostruzione dell’accusa Giuseppe Enea, svolgeva un ruolo strategico per la famiglia mafiosa di Tommaso Natale, essendo il portiere di un residence per il quale sono necessarie continue opere edili di piccola e grande manutenzione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X