stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ancora furti al Policlinico di Palermo, ladri nel laboratorio d'analisi per il coronavirus
ALLARME OSPEDALI

Ancora furti al Policlinico di Palermo, ladri nel laboratorio d'analisi per il coronavirus

Nuovo furto nella notte al Policlinico di Palermo. Dopo i raid compiuti negli spogliatoi del reparto di Medicina d'urgenza, prima, e in quelli di Chirurgia plastica, poi, stavolta i ladri hanno preso di mira addirittura i laboratori delll'Istituto di igiene, quello in cui cioè vengono analizzati i tamponi del coronavirus effettuati sui casi sospetti della Sicilia occidentale.

Sono stati scassinati gli armadietti del personale. Forse un medico in servizio è riuscito a vedere uno dei ladri.

Si stanno verificando eventuali danni a monitor e apparecchiature, che non dovrebbero essere stati compromessi. Sono stati di nuovo svaligiati gli armadietti degli spogliatoi del reparto di Chirurgia plastica e poi in altri due piani ha forzato e portato via le monete da due distributori di bevande e merende. Tutto in una notte, la quarta di seguito in cui vengono denunciati i furti.

A indagare sugli assalti al policlinico ci sono carabinieri e polizia. Adesso, però, le forze dell'ordine avrebbero l'identikit di uno dei ladri.

"Subito interventi per garantire più controlli e sicurezza negli ospedali di Palermo e al Policlinico anche un sistema di videosorveglianza negli ingressi e nei reparti - commenta Luigi Di Piazza della Uil Università -. Quello che è successo al “Paolo Giaccone” è un atto vergognoso e vile rivolto a medici e personale sanitario che ogni giorno, senza paura, combattono una guerra contro il coronavirus. Chiediamo subito un rafforzamento del servizio di vigilanza, è necessario che sia garantita sicurezza. Questi delinquenti non possono continuare a intralciare il lavoro di medici e infermieri".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X