stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, l'addio al clochard nell'ex Chiesa di San Mattia dei Crociferi: convalidato il fermo del sedicenne
L'ULTIMO SALUTO

Palermo, l'addio al clochard nell'ex Chiesa di San Mattia dei Crociferi: convalidato il fermo del sedicenne

di
funerali aldo, omicidio clochard palermo, Palermo, Cronaca
Una foto di Aldo. Numerose le persone che si sono recate nel suo giaciglio in sua memoria

Convalidato il  stato convalidato il fermo del sedicenne rom che ha confessato l'omicidio di Aid Abdellah, il clochard conosciuto come Aldo e ucciso domenica notte per 25 euro, i soldi che custodiva in tasca, in piazzale Ungheria. Il ragazzo è stato trasportato nel carcere minorile Malaspina. Intanto continuano preghiere e processioni per Aldo. A seguire i funerali grazie alle donazioni di chi lo conosceva. Palermo si prepara per l'ultimo saluto.

Alle 9,30 ci sarà un momento di preghiera al Policlinico. "Abbiamo anche invitato l'Imam di Palermo - afferma Giuseppe Li Vigni, della onlus gli Angeli della Notte -. La ragazza che ogni giorno offriva la colazione ad Aldo si è occupata di raccogliere i soldi per il servizio funebre. Tutti cittadini e persone che lo conoscevano hanno dato un contributo per raccogliere i soldi necessari".

Il Comune di Palermo ha stabilito che il rito funebre sarà celebrato alle 10 nell'ex Chiesa di San Mattia dei Crociferi, dunque non nella chiesa di San Francesco di Paola come ipotizzato in un primo momento. Successivamente la salma verrà portata in piazzale Ungheria, dove è stato ritrovato il corpo del clochard, per un momento di raccoglimento. Il sindaco Orlando ha disposto che nella giornata di domani siano esposte a mezz'asta le bandiere negli edifici comunali e ha disposto la presenza del gonfalone cittadino alla cerimonia.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X