stampa
Dimensione testo
LE MOTIVAZIONI

Terrorismo, il "like" non istiga: ecco perché è stata assolta la ricercatrice libica a Palermo

ricercatrice libica, Khadiga Shabbi, Palermo, Cronaca
Khadiga Shabbi

Un semplice «like» a un’opinione altrui o a un post, seppure riprovevoli, costituisce solo una manifestazione di assenso, una condivisione, e non ne aumenta la pericolosità. Lo sostiene la corte d’assise d’appello di Palermo che a dicembre scorso ha assolto Khadiga Shabbi, la ricercatrice universitaria libica accusata di istigazione al terrorismo. Arrestata e condannata a un anno e otto mesi dal gup la donna è stata completamente scagionata in secondo grado con la formula "perché il fatto non sussiste».

Nella motivazione della sentenza, depositata oggi, i giudici bacchettano il primo verdetto che si sarebbe limitato a copiare l'informativa della Digos che fece le indagini senza apportare alcuna mediazione critica.

Per la corte, Shabbi accusata di aver fatto propaganda sui social alla causa jihadista, non avrebbe avuto alcuna intenzione di diffonderne il messaggio limitandosi ad esprimere opinioni generiche. Anche quando, dopo la morte in battaglia di un nipote, chiedeva vendetta. Una vendetta generica, per i giudici, rivolta da una persona non collegata ad alcuna organizzazione terroristica a combattenti, persone, cioè, già impegnate in un conflitto.

Shabbi - secondo i giudici - era uno dei tenti utenti anonimi del web senza alcuna 'autorevolezza' e dalle sue esternazioni non scaturiva alcun pericolo di commissione di reati terroristici.

«Finalmente la pacatezza, la serenità' e l’applicazione del diritto hanno trionfato sulla suggestione, i castelli di carta e le presunzioni senza prove», aveva commentato il difensore della Shabbi, l’avvocato Michele Andreano. «Al momento debito - aveva annunciato proseguito - chiederemo il risarcimento dei danni al Viminale per l’ingiusta permanenza nel Cie di Ponte Galeria inflitta alla nostra assistita e allo Stato per l’ingiusta carcerazione subita».
L’inchiesta sulla Shabbi prese il via da alcune segnalazioni. La polizia cominciò dal web denunciando una intensa attività di propaganda svolta dalla ricercatrice in favore di una serie di organizzazioni terroristiche islamiche come Ansar Al Sharia Libya, tra le maggiori oppositrici del governo di Tobruk, e del suo leader Ben Hamid Wissam. Interessatissima alle vicende politiche del suo Paese, Shabbi avrebbe visitato le pagine Facebook di diversi gruppi legati all’estremismo islamico, condiviso sul suo profilo facebook materiale di propaganda di organizzazioni terroristiche.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X