stampa
Dimensione testo
NAS

Sequestrati 110 chili di ricotta alla pasticceria Alba di Palermo, l'azienda: "Prodotti perfettamente conservati"

PALERMO. I carabinieri del Nas hanno sequestrato 110 chili "di prodotti di pasticceria (crema di ricotta) congelati abusivamente e in cattivo stato di conservazione", come si legge in una nota, nella pasticceria Alba in piazza Don Bosco a Palermo.

E' stato denunciato il titolare G.C. di 72 anni. E' stato accertato che la crema di ricotta si trovava nel locale per essere venduta ai clienti. L'intervento dei militari rientra in una campagna nazionale di controllo sui prodotti dolciari e proseguirà nei prossimi giorni in altre pasticcerie palermitane.

LA REPLICA DELLA PASTICCERIA. "Come già evidenziato agli operatori del NAS, e dagli stessi riscontrato e verbalizzato, il prodotto in argomento, che al momento della verifica era in fase di rinvenimento e lavorazione, è una crema di ricotta perfettamente conservata e stoccata munita di certificazione CEE.

I Militari intervenuti hanno ritenuto di procedere comunque al sequestro, allo stato peraltro non convalidato, unicamente in quanto il processo di conservazione (a -18 gradi C°) risulterebbe, a loro modo di vedere, eccessivo rispetto alla normale conservazione a + 4 gradi C°.

Conseguentemente con la presente comunicazione si intende evidenziare che il NAS ha eseguito una misura cautelativa che riguarda un prodotto perfettamente conservato e del tutto idoneo all'uso e somministrazione la cui conservazione ha anzi la caratteristica (a -18 gradi C°) di essere una misura raccomandata dal Ministero della Salute per la riduzione della carica batterica propria di gran parte degli alimenti di origine o derivazione animale, addirittura obbligatoria per alcune categorie di alimenti.

Appare pertanto frutto di invenzione o comunque di errata percezione della realtà quanto frettolosamente rappresentato in ordine al rinvenimento di prodotti deteriorati o addirittura avariati.

L'unica responsabilità che la Azienda – già affermatasi per la evidente bontà e qualità dei propri prodotti e delle materie prime impiegate (bontà che è ben nota all'utenza e che magari ha infastidito unicamente la concorrenza) – riconosce è quella di avere osservato nella conservazione un'eccessiva cautela e di non avere dato adeguato risalto cartaceo alla procedura seguita così da non potersi dirsi immune dal mancato rispetto di alcune procedure formali e amministrative che nulla hanno a che vedere con la bontà della crema di ricotta o di altri prodotti.

Pertanto nelle sedi competenti APR srl tutelerà la propria immagine stigmatizzando la avvenuta diffusione di notizie prive di qualsiasi fondamento e volte a pregiudicare il buon nomee dell’Azienda che ha riportato in auge lo storico bar di piazza don bosco, apprezzato patrimonio di tutta la cittadinanza".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X