stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pioppo piange i tre giovani: Giacomo, Giosuè e Angelo inseparabili fino all'ultimo istante
LE STORIE

Pioppo piange i tre giovani: Giacomo, Giosuè e Angelo inseparabili fino all'ultimo istante

di

PALERMO. Pioppo, frazione di Monreale, è a lutto. La piccola comunità di poco più di mille abitanti ha perso tre giovanissimi ragazzi nell'incidente stradale avvenuto ieri sera sulla statale 186.

Le passeggiate in montagna, le giornate al mare e poi sui banchi del Parlatore di Palermo. Giacomo, Giosuè e Angelo erano inseparabili e insieme hanno trovato la morte questa notte, nel terribile incidente che li ha visti morire sulla Statale 186, a pochi chilometri da Pioppo, dove abitavano con le loro famiglie.

Inseparabili e giovanissimi Angelo Marceca (19 anni), Giosuè Guardì (16) e il cugino Giacomo Guardì  (19 anni) con loro c'era Gabriele D., anche lui diciannovenne, altro amico di sempre: l'unico superstite. Si è miracolosamente salvato dal terribile impatto su un muro lungo la statale.

Il padre di Angelo lavora al 118 e il nonno molti anni fa è stato sindaco di Monreale. I genitori dei cugini Guardì sono operai precari alla forestale. Anche il papà di Gabriele lavora nel corpo della Forestale come ispettore.

Il giovane è ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Civico ed è attualmente è in coma farmacologico. Il ragazzo ha un trauma cranico e toracico. I medici lo tengono costantemente sotto osservazione e hanno effettuato una nuova tac dopo 12 ore dall’incidente.

I giovani hanno anche frequentato insieme l’Istituto tecnico commerciale Francesco Parlatore di Palermo. Solo Giosuè frequentava la scuola Ipsia Corbino. Giornate passate insieme e tante ore in palestra. Le loro immagini sui social network raccontano di giovani ben curati, con un fisico "scolpito" e dallo sguardo sveglio di quell'età.

Intorno alle 23 di ieri sera molti pioppesi sono scesi in strada attirati dal suono delle sirene di carabinieri, vigili del fuoco e delle ambulanze. La disperazione negli occhi della gente che conosceva i ragazzi.

L’Opel Corsa grigia si è ribaltata più volte prima di finire la sua corsa lungo la statale, all’altezza del chilometro 15,800, nei pressi delle Case Buffa.

Il sindaco di Monreale, Piero Capizzi, è stato sul luogo dell'incidente e ha fatto visita alle famiglie coinvolte in questa tragedia. Il sindaco sta valutando se proclamare il lutto cittadino: "Le famiglie sono tra le più conosciute nella frazione di Pioppo - dice il sindaco -. Adesso preghiamo per il quarto giovane coinvolto, Gabriele. Speriamo che lui ce la faccia. I carabinieri stanno cercando di ricostruire quanto successo. Nella zona dell'incidente c'è una doppia curva. Chissà, forse hanno perso il controllo dell'auto. E' davvero una tragedia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X