stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Proteste degli studenti a Palermo, occupato anche il Nautico
SCUOLA

Proteste degli studenti a Palermo, occupato anche il Nautico

PALERMO. Continua la protesta degli studenti. Questa mattina gli studenti dell’Istituto Tecnico Nautico Statale Gioeni  – Trabia hanno occupato il plesso centrale sito in corso Vittorio manuele  27. Gli studenti della succursale (circa 150) hanno raggiunto il plesso  centrale con un corteo spontaneo che ha attraversato le vie del centro,  per portare supporto agli studenti della centrale. “Anche noi, dopo numerose altre scuole, entriamo in occupazione” afferma  Gabriele Loletto, rappresentante d’Istituto “Dopo aver costituito  un’assemblea permanente venerdì scorso e aver dichiarato lo stato di  agitazione, oggi occupiamo la nostra scuola per continuare a ribadire a  gran voce che la Buona Scuola non ci rappresenta e che ci opporremo in  tutti i modi ad una riforma ingiusta che favorisce lo sfruttamento degli  studenti.

In particolare noi, in quanto Istituto Tecnico, ci opponiamo  agli stage ed ai tirocini non retribuiti che schiavizzano la figura  dello studente rendendolo di fatto un impiegato di aziende private a  costo zero. Noi non lavoriamo gratis.” Gli studenti di Palermo hanno anche lanciato nei giorni scorsi una data  di mobilitazione per il 20 novembre, con concentramento alle 9:00 a  Piazza Politeama, che ha come parola d’ordine “Noi non lavoriamo  gratis”. Si legge dalla descrizione dell’evento del corteo: “Noi non siamo disposti a vedere gli sciacalli a capo di grosse imprese  private affondare le mani nel poco di scuola pubblica che è rimasto,  mutilato e martoriato, ma che noi ci teniamo a difendere a spada tratta.  Non siamo disposti a lavorare gratis, non siamo disposti ad essere  schiavizzati né ad accettare le logiche di profitto imposte dal governo  Renzi e dagli amici baroni delle aziende. Non siamo schiavi, e lo  ripeteremo a gran voce ancora una volta, scendendo in piazza venerdì 20  novembre sempre più determinati nel rivendicare il modello di scuola che  vogliamo.”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X