stampa
Dimensione testo
MOVIDA

Notte di follia a Palermo, pugni e colpi di bottiglia in una maxi rissa ai Chiavettieri: 3 denunciati

Una ventina le persone coinvolte e alcune delle quali soccorse dai sanitari del 118 e trasportate in ospedale

PALERMO. Maxi rissa la scorsa notte ai Chiavettieri in una delle zone più affollate della movida palermitana. Una ventina le persone coinvolte e alcune delle quali soccorse dai sanitari del 118 e trasportate in ospedale. Gli scontri anche a colpi di bottiglie sono scoppiati alle quattro di notte. Un locale, una pizzeria è andata distrutta.

Tante le volanti della polizia intervenute insieme a diverse ambulanze. Nel corso della colluttazione sono intervenuti i componenti di un'altra comitiva che stavano tornando dalla Vucciria. Anche loro hanno preso parte alla scazzottata. Secondo il racconto di alcuni testimoni uno dei partecipanti alla rissa avrebbe impugnato un macete. La polizia sta indagando sulle cause che hanno scatenato quella che secondo i tanti testimoni è stata una notte di follia tra i tavolini della movida palermitana.

"La rissa alla Vucciria è opera di barbari incivili che vanno emarginati da 'popolo della notte' e che conferma necessità e correttezza regole su Movida". Lo dice il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

LE INDAGINI. La polizia indaga sulla maxi rissa che è scoppiata ieri davanti alla pizzeria "Voglia di Pizza" alla Vucciria a Palermo e ha denunciato tre giovani che hanno ammesso di avere partecipato al lancio di tavolini e sedie contro la pizzeria. Gli indagati non hanno spiegato i motivi di questa aggressione violenta. I tre sono stati rintracciati dai poliziotti all'ospedale Buccheri La Ferla dove si erano recati per essere medicati. Adesso gli agenti stanno risalendo agli altri partecipanti alla rissa che sono stati ripresi anche da alcune videocamere.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X