PALERMO

Interrogato Helg, la Gesap apre un’inchiesta interna

PALERMO. Ha risposto a tutte le domande Roberto Helg, ex presidente di Confcommercio, arrestato mentre intascava una mazzetta, sentito dal gip che dovrà decidere sulla convalida del provvedimento cautelare. All'interrogatorio hanno partecipato i pm Claudia Ferrari e Luca Battinieri. "Nonostante sia molto provato, il mio cliente non si è sottratto a nessuna domanda", ha detto il suo legale, Giovanni Di Benedetto. Al termine dell'udienza il procuratore ha chiesto, oltre alla convalida, la custodia cautelare in carcere per Helg che risponde di estorsione aggravata. Mentre il difensore, sia per l'età che per le condizioni di salute, ha chiesto i domiciliari. Il gip si è riservato la decisione sia sulla convalida che sul provvedimento cautelare.

Intanto, il presidente della Gesap, Fabio Giambrone, e l'ad, Dario Colombo, hanno aperto un'inchiesta interna per accertare se alcuni funzionari della società che gestisce l'aeroporto di Palermo che, secondo quanto riportato dalla stampa, potrebbero essere coinvolti nell'indagine per estorsione che ha portato all'arresto del vice presidente della società, siano compatibili con le funzioni aziendali. La notizia si apprende in ambienti vicini alla Gesap.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X