MALTEMPO NEL PALERMITANO

Proteste a Piano Battaglia, un metro e mezzo di neve ma impianti chiusi

PALERMO. A Piano Battaglia c’è un metro e mezzo di neve. Ma per gli albergatori non è una buona notizia. Gli impianti sono chiusi e non funzionanti e le strade per accedere alla località sciistica del palermitano sono chiuse e poco percorribili a causa del ritardo dell’invio degli spalaneve. E’ quanto denuncia Mario Ziino presidente degli all’associazione Piano Battaglia. “L’allerta meteo era nota da dieci giorni – dice Ziino – eppure i mezzi sono arrivati con grave ritardo. Anche la turbina è entrata in funzione in ritardo. Gli effetti sono che anche questo fine anno molti vacanzieri hanno disdetto le prenotazioni e i rifugi e gli alberghi resteranno vuoti. E’ chiusa la strada da Polizzi, mentre le vie da Collesano e Petralia solo adesso sono aperte solo ad una carreggiata”. I mezzi spalaneve dalla Provincia sono passati alla Protezione Civile. “I funzionari della protezione civile mi hanno detto che non hanno risorse per garantire il servizio – aggiunge Ziino – Non solo gli operai terminano il loro turno alle 18 e riprendono solo l’indomani mattina. La neve della notte si accumula di nuovo e le strade restano di nuovo bloccate”.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X