stampa
Dimensione testo
MAFIA

In una grotta dell'Acquasanta il nascondiglio di Galatolo

Per accedervi sono dovuti intervenire i vigili del fuoco: dentro c'erano pentole e strumenti che fanno pensare a un vero e proprio nascondiglio.

PALERMO. Una cavità naturale, una sorta di grotta impenetrabile, è stata scoperta dalla Finanza nei pressi di una delle palazzine della famiglia mafiosa Galatolo, nella borgata palermitana dell'Acquasanta. Per accedervi sono dovuti intervenire i vigili del fuoco: dentro c'erano pentole e strumenti che fanno pensare a un vero e proprio nascondiglio.

La scoperta è stata fatta durante la perquisizione eseguita per trovare il tritolo che, secondo il pentito Vito Galatolo, doveva essere usato per un attentato al pm Nino Di Matteo.  L'esplosivo non è stato trovato, ma gli inquirenti hanno scoperto botole, anfratti e nascondigli.

«Bisogna dare un segnale chiaro che a Palermo non ci sono zone franche», dicono gli investigatori. In casa di Vito Galatolo, poi, sono stati trovati documenti importantissimi che provano affari e investimenti del clan. L'appartamento, che si trova in una palazzina malmessa, era lussuosissimo: mobili antichi intarsiati in oro, marmo ovunque e diverse immagini di Padre Pio.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X