stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il piano che non c’è sulle strade colabrodo di Palermo
ALLARME INCIDENTI

Il piano che non c’è sulle strade colabrodo di Palermo

di
Rischi sempre più alti per automobilisti e motociclisti. La Rap: «Pochi mezzi e risorse per risolvere il problema del tutto»

PALERMO. Le strade della città sono un colabrodo. I marciapiedi sconnessi e poco utili alla funzione cui dovrebbero servire. Gli impianti di illuminazioni spenti. Ed eccoci a raccontare un disastro tecnico-amministrativo lungo una vita che spesso si accende di rosso sangue, diventando tragedia umana. Le cattive abitudini, come scambiare una via in una pista da corsa, fanno il resto: cioè producono una micidiale intruglio di insicurezza e pericolosità.

La manutenzione tocca alla Rap. Nel contratto di servizio l’obiettivo indicato è rassicurante: «Percorribilità della sede stradale in condizioni di sicurezza e comfort». Nella realtà le cose - come tutti possono quotidianamente sperimentare - non vanno così.

«Non so quanto tempo e quanti soldi ci vorrebbero per mettere in sicurezza tutto il sistema viario di Palermo», dice Sergio Marino, presidente della Rap. «Anni e anni oltre che risorse enormi -spiega -. Noi mettiamo pezze, tamponiamo le emergenze secondo una lista che contiene tre gradi di pericolo. Purtroppo la zona rossa è sempre più affollata».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X