stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Palermo: il mal di trasferta contagia Brunori, errori sotto porta ma poco servito
IL BOMBER

Palermo: il mal di trasferta contagia Brunori, errori sotto porta ma poco servito

di
palermo calcio, Matteo Brunori, Palermo, Calcio
Matteo Brunori (foto Tullio Puglia)

Sembrava difficile dover accostare la parola "problema" ad un bomber come Matteo Brunori. Uno che ha trascinato il Palermo in Serie B a suon di gol, giocate e prestazioni di categoria superiore. Uno che ha segnato già 6 reti stagionali tra campionato e Coppa Italia. Eppure, un intoppo c'è. E si chiama "trasferta".

L'italo-brasiliano, in questa stagione, non è ancora riuscito infatti a sbloccarsi lontano dal Renzo Barbera. Un problema certamente personale, ma anche e soprattutto di squadra. Il Palermo nelle 4 uscite stagionali lontano dalle mura amiche, compresa la partita di Coppa contro il Torino, non ha infatti mai vinto e soprattutto mai segnato. Insomma un problema di organico, che si riflette poi sull'attaccante 27enne acquistato questa estate a titolo definitivo dalla Juventus.

Le occasioni, tuttavia, non sono mancate. Spesso non c'è stata, semmai, lucidità sotto porta. A Bari, che è anche l'unica trasferta in cui il Palermo ha trovato il gol (con Valente), l'attaccante rosanero aveva avuto una grossa opportunità per andare in rete. Servito splendidamente da Floriano, Brunori a tu per tu con il portiere del Bari aveva ritardato la conclusione facendosi ipnotizzare da Caprile.

Contro la Reggina, poi, Elia aveva servito il pallone all'indietro da limite corto dell'area di rigore proprio per Brunori che a porta sguarnita aveva calciato addosso ai difensori granata. E ancora contro il Frosinone, l'italo-brasiliano solo davanti a Turati ha optato per una strana sterzata invece di tirare subito e sorprendere l'estremo difensore gialloblù. Errori nella scelta, mancanza di lucidità.

Ma all'attaccante rosanero si può rimproverare poco. Lo dicono i numeri: 28 gol nel 2022 al pari di Benzema del Real Madrid. A due sole marcature da Lewandoski, che proprio ieri ha siglato una doppietta in campionato col suo Barcellona, e a 4 da Mbappè a quota 32 reti negli ultimi 9 mesi. Sei gol per Brunori da agosto in poi: una tripletta alla Reggiana nel primo turno di Coppa Italia e altri tre in campionato (tutti al Renzo Barbera) contro Perugia, Ascoli e Genoa. Ergo, poco o nulla da dire ad un attaccante che sta trascinando il Palermo anche in questa Serie B. Se non segna lui, i siciliani non vincono (quasi sempre). Solo con l'Ascoli il suo gol (quello del momentaneo 1-1) non è servito per completare la rimonta e portare a casa i tre punti.

Le sue reti sono state invece decisive contro il Perugia alla prima giornata e contro il Genoa alla quinta. Insomma se in trasferta Brunori soffre, il motivo è da ricercare nello scarso rendimento di tutta la squadra quando non si gioca al Barbera. Troppo spesso pochi palloni giocabili, pochissimo appoggio dagli esterni. A volte Brunori dà l'idea di essere isolato li davanti. A lottare, con sacrificio, per prendersi la squadra sulle spalle. Spesso con ottimi risultati, ma con qualche metro indietro rispetto alla porta avversaria. C'è tempo per l'attaccante rosanero, mai in discussione. C'è tempo soprattutto per Corini, che vuole una squadra piena di goleador.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X