LA SENTENZA FIGC

Il Palermo retrocesso in Serie C, Albanese: "Pronto il ricorso al Tar del Lazio"

di

Il Palermo è come un pugile ormai alle corde nel day after la retrocessione in serie C sancita dal tribunale federale nazionale e data per esecutiva anche dalla Lega di B che ha clamorosamente annullato i playout e non rinviato i playoff.

Una punizione che getta nello sconforto i tifosi rosanero e che secondo il ds Rino Foschi penalizza un’intera città. Ma il club rosanero sta provando tutte le strade per tornare a galla.

La prima tappa è oggi al Tar del Lazio: ai giudici amministrativi la società rosanero chiederà un provvedimento di immediata sospensione dell’efficacia per quanto riguarda la decisione della Lega di B.

Abbiamo lavorato tutta la notte e oggi presenteremo il primo ricorso – dice il presidente rosanero Alessandro Albanese a Gds.it – siamo ancora sconvolti ma al contempo fiduciosi che questa vicenda possa essere risolta. E’ tutto così scandaloso, così come aver annullato i play-out, una decisione assurda e poco credibile, ma noi stiamo guardando avanti e vogliamo giocare i play-off, noi vogliamo la serie A, altro che serie C”.

Dopo il Tar, la prossima tappa per i legali del club rosanero sarà alla Corte Federale Sportiva dove sarà chiesto di sospendere gli effetti della sentenza di primo grado e nel frattempo si lavorerà per presentare appello.

Il tempo però stringe e si gioca anche sul minuto visto che ci sarà tempo per presentare ricorso in appello entro la mezzanotte di domani. “Ribadisco che siamo fiduciosi – prosegue Albanese – ma come prima cosa dobbiamo evitare che vengano giocati i playoff, altrimenti sarà la fine”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X