ROSANERO IN SERIE C

Il Palermo all'attacco, parte il ricorso in Corte federale d'appello per fermare i play-off: vogliamo la sentenza subito

di

Il Palermo ci ha ripensato e non depositerà alcun ricorso al Tar del Lazio, ma il club rosanero andrà direttamente in Corte federale d’appello.

I legali del Palermo, assieme all’avvocato Di Ciommo, esperto di diritto sportivo, hanno quindi deciso di lavorare e concentrarsi solo sul ricorso contro la sentenza di primo grado del TFN che è già esecutiva e che in questo momento spedisce i rosanero in serie C.

Nel ricorso d’appello verrà anche aggiunta un’ulteriore richiesta di sospensione dell’esecutività che avrà carattere d’urgenza visto che venerdì iniziano i playoff. Un ricorso su cui, come ha detto lo stesso presidente Albanese, si lavora ininterrottamente da due giorni. E quel che si chiede è una sentenza rapidissima visti i tempi stretti.

Il Palermo sta cercando di rispondere punto su punto alla sentenza del tribunale federale e ovviamente mira a ribaltare tutto, sperando di mantenere almeno la categoria.

“Abbiamo lavorato tutta la notte e oggi presenteremo il primo ricorso – ha detto il presidente rosanero Alessandro Albanese a Gds.it – siamo ancora sconvolti ma al contempo fiduciosi che questa vicenda possa essere risolta".

Albanese contesta la sentenza: "E’ tutto così scandaloso, così come aver annullato i play-out, una decisione assurda e poco credibile, ma noi stiamo guardando avanti e vogliamo giocare i play-off, noi vogliamo la serie A, altro che serie C. Ribadisco che siamo fiduciosi – prosegue Albanese – ma come prima cosa dobbiamo evitare che vengano giocati i play-off, altrimenti sarà la fine”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X