stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Uccisa e bruciata a San Giuseppe Jato, sopralluogo dei Ris

Uccisa e bruciata a San Giuseppe Jato, sopralluogo dei Ris

Palermo, Archivio

PALERMO. Sono arrivati i carabinieri del Ris nel capanno dove sono stati trovati i resti che dovrebbero essere di Concetta Conigliaro, la giovane uccisa a San Giuseppe Jato e bruciata. I militari stanno cercando di raccogliere una serie di tracce, di indizi per ricostruire cosa sia successo. Sono tanti gli aspetti da chiarire, primo fra tutti se quel capanno è il luogo dove è stata uccisa Concetta o se è stata portata lì per essere bruciata.
I militari cercheranno di capire se nella scena del crimine ci sono impronte di altre persone che avrebbero potuto aiutare l'ex marito Salvatore Maniscalco, in carcere con le accuse di omicidio e distruzione di cadavere. L'uomo, davanti al gip Lorenzo Matassa, ieri ha fornito una quarta versione sulla morte della giovane moglie: i due stavano litigando e lei sarebbe caduta battendo la testa. Maniscalco preso dal panico avrebbe così deciso di fare sparire il corpo. Anche questa versione non ha convinto gli investigatori che stanno proseguendo le indagini per cercare l'arma del delitto e possibili complici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X