stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia Blutec di Termini Imerese, i sindacati: "Per i lavoratori cassa integrazione perenne"

Blutec di Termini Imerese, i sindacati: "Per i lavoratori cassa integrazione perenne"

Ancora mesi di cassa integrazione e nessuna schiarita sul loro futuro. Per gli operai della Blutec di Termini Imerese il tempo sembra non passare mai, sempre fermi al punto di non partenza.  I lavoratori, da oltre un decennio, aspettano una soluzione concreta di stabilizzazione.

Nonostante gli anni passino, i lavoratori restano in cassa integrazione con i nuvoloni che si addensano sul loro futuro. "I lavoratori della Blutec sono in cassa integrazione fino a novembre 2023, una cassa integrazione perenne per loro - afferma Roberto Mastrosimone, segretario della Fiom siciliana - .  Abbiamo anche altri 250 circa lavoratori dell’indotto che sono in mobilità in deroga fino a dicembre, per loro tanta sofferenza visto che l’indennità è molto bassa".

Secondo il sindacato dei lavoratori operanti nelle imprese metalmeccaniche "il fondo pre-pensionale per i lavoratori Blutec può diventare un’opportunità. L’obiettivo è comunque la reindustrializzazione - sottolinea Mastrosimone - , dobbiamo aprire un confronto con il governo che ci possa permettere di utilizzare i fondi pubblici per far ripartire tutta l’area, approfittando anche del porto. E' davvero un peccato lasciare un’area così importante in questo stato - tiene a precisare il segretario della Fiom. -  Vogliamo dare un futuro ai nostri giovani, adesso servono i fatti".

Lo scorso 16 settembre si è tenuto un incontro a Roma, su convocazione del Ministero dello Sviluppo economico, nel quale sono stati approfonditi i temi del possibile pensionamento anticipato di coloro che sono stati addetti ai lavori usuranti e del regolamento di attuazione della legge regionale siciliana che ha stanziato 30 milioni di euro in favore dei lavoratori Blutec di Termini Imerese.

"Purtroppo ancora oggi in attesa di reimpiego - il commento di Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore auto, e Vincenzo Comella, segretario della Uilm di Palermo - . Inoltre i commissari della amministrazione straordinaria hanno fatto il punto sulla ricerca di possibili acquirenti del sito da reindustrializzare hanno detto di essere in contatto con Meccatronica incubatore di impresa".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X