stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura Palermo, Shakespeare protagonista della stagione estiva del Teatro Libero a Villa Filippina

Palermo, Shakespeare protagonista della stagione estiva del Teatro Libero a Villa Filippina

Prenderà il via il prossimo 16 giugno la seconda edizione della stagione estiva del Teatro Libero di Palermo a Villa Filippina con Shakespeare Summer Night. Verranno messe in scena dai giovani artisti della compagnia del Libero alcune produzioni ispirate alle drammaturgie William Shakespeare. I progetti che si alterneranno saranno 4, tra cui le rivisitazioni e riscritture de La Tempesta, Amleto, Come vi piace, Il mercante di Venezia.

Teatro Libero e i giovani artisti

Tra i giovani attori e registi della compagnia del Libero che accompagneranno le serate fino al prossimo 29 giugno, ci saranno Giuseppe Vignieri, Giada Costa, Dario Frasca, Giuseppe Pestillo, Luigi Maria Rausa, Eletta del Castillo, Giancarlo Latina.“Una seconda edizione ambiziosa che parte dalla produzione e dal sostegno ai giovani artisti – ha detto il direttore artistico del Teatro Libero, Luca Mazzone -. Abbiamo scelto quattro riscritture originali che attraversano i testi più conosciuti di Shakespeare, in uno scenario suggestivo quale è il Parco di Villa Filippina”.

Costo dei biglietti

L'ingresso unico per serata è di 12 euro, il ridotto di 10. Il carnet per due serate è di 15 euro. Riduzioni per under 25, operatori e abbonati Teatro Libero. Per prenotare occorrerà telefonare allo 392.9199609, dal lunedì al sabato ore 15.30 – 19. Il botteghino sarà aperto, nei giorni dello spettacolo, a partire da un’ora prima dell’inizio. Il biglietto di ingresso garantisce sconti sulla ristorazione.

La Tempesta e una tragicissima commedia elisabettiana

La Tempesta, spettacolo scritto e interpretato da Giuseppe Pestillo e Una tragicissima commedia elisabettiana, di Luigi Maria Rausa andranno in scena dal 16 al 22 giugno dalle 20,30.

Il regista porta la dimensione del racconto e del gioco teatrale ad una estrema condensazione. C'è un solo attore che dà corpo e voce a tutto il plot shakespeariano, assecondando il ritmo dell’affabulazione narrativa che diventa strumento attraverso il quale lo spettatore verrà condotto dentro la parola, a volte colta a volte popolare ma sempre poetica, dell’isola di Prospero, tentando così di evocare e trasmettere quel rispecchiamento nell'arte di cui oggi abbiamo tanto bisogno.

In Tragicissima commedia elisabettiana con Eletta Del Castillo e Giancarlo Latina pubblico e “palchetto” diventano elementi fondanti dove saranno infrante le regole aristoteliche di spazio e tempo, così come sarà infranto il senso comune mescolando tragedia e commedia in un’altalena di volgare e sublime, lasciando assaporare il rapporto intimo tra spettatori e attori. Una scena nuda lascia spazio al gioco degli attori, attraverso il quale le vicende del principe Amleto diventano un pretesto per aprire una riflessione sulla fame di potere, la corruzione, il tradimento, l’impossibilità di azione.

Pazzo ad arte e Come ci piace

Pazzo ad arte, diretto e interpretato da Giuseppe Pestillo e Come ci piace di Giada Costa e Giuseppe Vignieri andranno in scena dal 23 al 29 giugno, sempre dalle 20.30. Giorno 24 e 25 riposo.

In Pazzo ad arte - frammenti di vita che ci "ri-guardano", spettacolo liberamente tratto dall’'Amleto di Shakespeare, l'attore diventa, di volta in volta, personaggi diversi del dramma: Amleto, Laerte, Polonio, Claudio, il becchino, scegliendo tra il pubblico i suoi interlocutori: Laerte, Ofelia, Rinaldo, Gertrude. Lo scopo è quello di accorciare le distanze tra un testo “sacro” del teatro e la nostra vita, immergendolo nel quotidiano della convivialità. A seguire Come di piace, con Giada Costa e Dario Frasca, in cui una coppia di clochard trascorre le proprie giornate cercando di procurarsi cibo e qualche soldo. La vita in strada offre ai personaggi l’occasione per immaginare e interpretare la vita dei passanti. In questo gioco, a volte comico, a volte tragico, ritrovano la propria felicità ed il proprio divertimento, ma anche, in alcuni momenti, lo specchio delle proprie vite e una finestra per dar voce a sogni e ricordi.

video di Benedetto Frontini

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X