stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Palermo, «mazzette» al funzionario regionale presentate come «caramelle»: due arresti

Palermo, «mazzette» al funzionario regionale presentate come «caramelle»: due arresti

Un funzionario della Protezione civile regionale siciliana avrebbe ottenuto soldi da un imprenditore per velocizzare i pagamenti di lavori eseguiti. Sulla sua scrivania sarebbero stati posati tre pacchetti, probabilmente soldi, presentati alla consegna come «caramelle». I finanzieri del Comando provinciale di Palermo hanno eseguito un’ordinanza ai domiciliari per corruzione, emessa dal gip, sia nei confronti del funzionario regionale che dell’imprenditore accusati di corruzione.

Agli arresti domiciliari indagati per corruzione sono finiti Luigi De Luca, 63 anni, funzionario del dipartimento di protezione civile della Regione Siciliana, e Sebastiano Grillo, 69 anni, imprenditore referente delle società Nuova Tecnopolis srl e Grillo Infrastrutture srl. La consegna dei pacchetti di «caramelle» da parte dell’imprenditore è stata ripresa da telecamere nascoste dalla guardia di finanza nell’ufficio del funzionario regionale.

Le indagini, condotte dagli specialisti del nucleo di polizia economico finanziaria, avrebbero fatto emergere che il funzionario addetto alle procedure di liquidazione, in cambio di denaro, si sarebbe adoperato per velocizzare i controlli di propria competenza, sollecitare i propri colleghi a svolgere prontamente i loro adempimenti, affinché venissero pagate in tempi brevi fatture per circa 130.000 euro. L'imprenditore sarebbe stato il referente di due società del Messinese impegnate nel settore edile, che hanno eseguito lavori di pubblico interesse commissionati da Comuni delle province di Caltanissetta e Messina. I due, secondo la tesi dell’accusa, si sarebbero incontrati nell’ufficio alla Protezione civile e qui, contesta la Procura di Palermo, sarebbe avvenuta la consegna dei soldi quale pagamento dei «servizi» ottenuti dall’imprenditore.

© Riproduzione riservata

TAG:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X