stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Rifiuti, ruspe in azione a Palermo ma non basta: è ancora emergenza

Rifiuti, ruspe in azione a Palermo ma non basta: è ancora emergenza

Le ruspe in azione non bastano. Ai cumuli di rifiuti da smaltire per le strade di Palermo si aggiunge il carico giornaliero e le difficoltà causate dalle proteste: cassonetti incendiati o rovesciati.

La Rap ha intensificato la raccolta in tutti i quartieri per smaltire l'arretrato, ora ridotto a circa un migliaio di tonnellate, come spiega Connie Transirico sul Giornale di Sicilia in edicola.

I mezzi impegnati fino a notte sono riusciti a portare in discarica 1200 tonnellate, rispettando quell’extra di 350 che dà un minimo di speranza al completamento della bonifica di strade e piazze, sopratutto dall’arretrato accumulatosi con lo stop (nel video le ruspe in azione in via Palmerino).

Ma si aspettano altre soluzioni, più definitive e con effetti a lungo termine. "Ho dovuto quasi pregare SiculaTrasporti per portare 50 tonnellate a Trapani - dice il direttore generale di Rap Roberto Li Causi - ma fra poco anche loro saranno costretti a chiudere. La Regione non ci ha indicato altri impianti e si torna al punto di partenza".

Intanto, oggi dovrebbe arrivare l’ordinanza del sindaco che anticipa in deroga l’abbancamento di altre 140 mila tonnellate sopra la sesta vasca. Una soluzione che a metà gennaio sarà poi "autorizzata" formalmente anche dalla Regione.

Video di Marco Gullà

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X