stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Case popolari, scuole e aree verdi: cosa prevede il progetto di riqualificazione del quartiere Sperone a Palermo

Case popolari, scuole e aree verdi: cosa prevede il progetto di riqualificazione del quartiere Sperone a Palermo

Va avanti il progetto di riqualificazione del quartiere dello Sperone a Palermo, nato in seno al programma Ex Gescal, che prevede una serie di interventi diretti alle case popolari, alle scuole e alle aree verdi della zona.

“Le tre scuole verranno riqualificate, ovvero messe in sicurezza, rendendole efficienti dal punto di vista energetico e operando delle sostanziali ristrutturazioni, come il cambio degli infissi”, dice l’assessore Maria Prestigiacomo. Inoltre, mancando “i centri di aggregazione, è prevista l’istituzione di un parco cittadino, di un ulteriore parco attrezzato completo di piscine e di un campo polivalente, nel quale ci saranno spazi a verde per i ragazzi”.

“Un altro importante intervento”, prosegue l’assessore alla riqualificazione urbana, “viene fatto in via De Felice. Le costruzioni verranno riqualificate lasciando a piano terra magazzini, mentre al piano superiore verranno realizzate delle abitazioni per soggetti fragili”.

“Sono interventi importanti per il riscatto dello Sperone e che aspettiamo da molto tempo”, commenta Toni Sala, consigliere comunale di Palermo di Avanti Insieme, particolarmente legato alla circoscrizione II, “quasi 25 milioni di euro per aree verdi, interventi di messa in sicurezza nelle scuole e perfino una piscina a servizio del quartiere: il recupero dei fondi ex Gescal può veramente aiutare lo Sperone a cambiare volto, restituendo ai palermitani nuovi spazi riqualificati. Grazie alle nostre segnalazioni e all'impegno dell'assessore Prestigiacomo e del personale comunale, abbiamo evitato di perdere queste somme, ma adesso vigileremo sui bandi per una rapida conclusione dei lavori. Un'occasione che non possiamo perdere”, conclude. Uno dei progetti esecutivi, da 7 milioni di euro, attende, per partire, la fine della procedura in atto con la Regione.

Video di Virginia Cataldi.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X