stampa
Dimensione testo

"No alla chiusura dei porti", la Cgil espone coperte termiche sui balconi della sede di Palermo

La sede della Camera del Lavoro della Cgil, a Palermo, rivestita da una decina di coperte dorate usate per salvare le vite umane durante i soccorsi in mare in segno di solidarietà con i migranti in occasione della Giornata del Rifugiato.

Un modo per dire "no" alla chiusura dei porti, al decreto Sicurezza, all’esclusione e sì all’accoglienza, alla solidarietà, ai diritti e all’uguaglianza.

"L’umanità venga rimessa al centro per sconfiggere l’odio, il razzismo e l’intolleranza, che non possono trovare spazio in una società civile e democratica - scrive in una nota la Cgil palermitana -. Chiediamo il cambiamento delle politiche per l’immigrazione e invitiamo tutta la cittadinanza ad aderire alla mobilitazione contro i muri e i porti chiusi. Soccorrere e salvare i rifugiati e i richiedenti asilo e assicurare la protezione internazionale deve esse la priorità per ogni Paese civile".

La Cgil anche a Palermo ha aderito con un ampio cartello di associazioni e movimenti alla campagna ‘Io accolgo’ per dare voce alle esperienze di solidarietà e accoglienza diffuse nella realtà italiana.

Intervista a Enzo Campo segretario regionale Cgil

Video Marcella Chirchio

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X