stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Porta santa a Monte Pellegrino, Lorefice: "Aprire le nostre case"

Porta santa a Monte Pellegrino, Lorefice: "Aprire le nostre case"

Un'ultima porta sarà aperta giovedì 24, nell'edificio sacro di via Decollati della Missione Speranza e carità del missionario laico Biagio Conte che da parecchi anni assiste almeno un migliaio dei poveri

PALERMO. Dopo l'apertura della Porta Santa in Cattedrale, che ha dato il via al Giubileo a Palermo, il nuovo arcivescovo monsignor Corrado Lorefice è salito oggi a Monte Pellegrino per l'apertura della porta del Santuario di Santa Rosalia.

"L'incoraggiamento è la speranza che ci viene da questa porta che si apre, perché Dio sia presente. Abbiamo bisogno del Signore affichè faccia sprigionare tutto il bene che portiamo dentro, guardando la città futura - ha detto Lorefice durante l'omelia -. Ecco perchè vogliamo che la nostra città umana sia bella e tutti ci dobbiamo sbracciare, tutti dobbiamo fare qualcosa, a partire dall'apertura delle nostre case".

Sarà un percorso articolato quello di Palermo dove in tutto verranno aperta quattro Porte Sante. Oltre a quella della chiesa madre e a quella del Santuario di Altavilla Milicia e di Monte Pellegrino, infatti, ne sarà aperta un'altra molto significativa, giovedì 24, nell'edificio sacro di via Decollati della Missione Speranza e carità del missionario laico Biagio Conte che da parecchi anni assiste almeno un migliaio dei poveri.

«L'Arcivescovo - ha commentato il sindaco, Leoluca Orlando -, nel giorno dell'apertura della Porta Santa, ha rivolto un grande richiamo alla responsabilità individuale di noi tutti. Ancora una volta viene un messaggio che deve essere colto da tutti i palermitani, perchè la nostra comunità sia fondata sul rispetto dei diritti e sul rispetto umano di tutti e di ciascuno».

immagini di Salvatore Militello

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X