stampa
Dimensione testo

"Palermo avrà il nuovo stadio con museo e ristoranti", la promessa di Baccaglini a Orlando

PALERMO. Un progetto che ha come cuore pulsante lo stadio nuovo. Paul Baccaglini continua il suo tour istituzionale e dopo essere stato all’Ars e alla Regione, oggi ha fatto visita al sindaco Leoluca Orlando. Un’ora di discussione, si è parlato soprattutto dello stadio e del centro sportivo che il fondo vorrebbe costruire a Palermo.

Baccaglini poi in conferenza stampa torna a parlare di quello che vuole fare per il club rosanero e per la città: “Mi sono state chieste promesse per i tifosi e per il Palermo, ma io posso promettere ciò che posso realizzare e lo stadio è fondamentale – afferma il nuovo patron rosanero in conferenza stampa dopo aver parlato con il primo cittadino –. Si farà per tappe e grazie al sindaco ho potuto presentate le nostre idee, cercando di creare un punto di riferimento per i palermitani, per il Sud e per l’Italia intera. Non voglio sminuire la grandezza di un tale progetto ma qui tutti abbiamo gli stessi interessi. In passato non è stato respinto per mancanza di volontà. Credo che i palermitani lotteranno per questo progetto.

I social dimostrano un grande interesse e Palermo sarà pronta a questa attenzione mondiale”. Baccaglini ha già fretta di iniziare il progetto: "All'interno del primo progetto dello stadio ci sono molti elementi validi ma anche aspetti che hanno inficiato nella mancata approvazione – analizza Baccaglini – , quindi apporteremo delle modifiche e lavoreremo nelle infrastrutture interne come museo e ristorazione.

Abbiamo idee da mettere su carta, credo che chiunque diventerà sindaco lo fa perché ha come interesse primario il benessere di Palermo quindi non potrà non vederci un grande valore aggiunto e sarà colpito positivamente. Prima cominciamo questo processo, prima lo portiamo a termine. Le lungaggini verranno affrontate seriamente e positivamente per contrastarlo con gli interessi stessi dei burocrati”.

Non si parla ancora di cifre, Baccaglini spiega il perché: “Avere un budget è una cosa, ma il grande rischio è creare aspettative su questa cifra – prosegue – . Se andiamo a realizzare lo stadio dobbiamo dare assicurazioni finanziarie per avere accesso all’approvazione del progetto. Non possiamo creare un pentolone con 200 milioni ma un progetto sostenibile. Sul piano finanziario, congelare un capitale che so da 100 milioni sarebbe poco furbo. Diamo dimostrazione alle autorità che i soldi ci saranno e verranno utilizzati anche per finanziarie altri progetti".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X