stampa
Dimensione testo

Sport

Home Foto Sport Il Telimar Palermo vola in Spagna per scrivere la storia della pallanuoto siciliana

Il Telimar Palermo vola in Spagna per scrivere la storia della pallanuoto siciliana

È in Spagna il Telimar, per affrontare l’Astralpool Club Natació Sabadell nella Gara 2 della Finale di Len Euro Cup. Si parte dal 9-7 dell’andata di tre settimane fa, con il club dell’Addaura che per la prima volta dal primo lockdown aveva potuto sfruttare il fattore campo, grazie al pubblico tornato sugli spalti dell’Olimpica di Palermo. Fischio d’inizio alla Bombonera Finetwork Aquatics di Can Llong alle ore 12,30 di domani, sabato 26 marzo, agli ordini degli arbitri Gyorgy Kun (Ungheria) e Nikolaos Boudramis (Grecia). La partita verrà trasmessa in diretta streaming sul canale della Len e sulla pagina Facebook Telimar Pallanuoto.

Nonostante la vittoria e il doppio vantaggio, il tecnico del Telimar è stato chiaro con i suoi ragazzi: «Dobbiamo scendere in vasca come se partissimo dallo 0-0 – dice Gu Baldineti –. Dobbiamo andare lì per aggredirli, per vincere. È vero, l’obiettivo è diverso, non giochiamo per recuperare uno svantaggio, ma proprio questo ci permette di giocare come sappiamo fare. È chiaro anche che il +2 ci può aiutare a gestire diversamente la fase finale della partita. D’altro canto – aggiunge –, partire con uno svantaggio, benché minimo, può portare a forzare alcune situazioni, a sbagliare. Noi, invece, dobbiamo fare una grande partita, giocare bene in difesa, sfruttando al meglio ogni occasione in attacco».

La preparazione al match è stata attenta ad ogni minimo dettaglio, a cominciare dagli schemi tattici degli avversari, studiati a fondo in queste settimane: «Abbiamo guardato tutte le partite disputate dal Sabadell in queste ultime sei giornate di División de Honor, cercando di estrapolare su ogni giocatore determinate caratteristiche, come le situazioni di tiro o uomo in più e uomo in meno. I pallanuotisti sono abitudinari e tendono a muoversi sempre allo stesso modo. Non è una cosa facile, anzi, è particolarmente complesso, ma ci proviamo».

Le variabili, però, in una trasferta sono molte: «L’orario in cui giocheremo è strano. Loro sono abituati, noi no. Per questo, nelle ultime settimane abbiamo spostato i nostri allenamenti nell’ottica di poter contribuire in questo modo a rendere la nostra preparazione il più possibile completa. Quello che sarà difficile domani, invece – spiega –, è la comunicazione: sono già stato alla Bombonera ed è quasi impossibile farsi sentire dalla panchina. E lo stesso vale per i giocatori in acqua, che hanno spesso difficoltà a comunicare con i propri compagni. Ovviamente, il loro pubblico sarà caloroso come sempre, ma abbiamo al nostro seguito circa cinquanta tifosi, che non ci faranno mancare il loro supporto».

Marcello Giliberti, presidente del Telimar, dice che «domani è, dal punto di vista sportivo, il giorno più importante dei 34 anni di vita del nostro club, che ho avuto l’onore di presiedere ininterrottamente e vedere crescere di anno in anno. Dopo avere conquistato svariati titoli mondiali assoluti nel canottaggio, e giovanili nella pallanuoto, vincere una Coppa Europea con la nostra prima squadra di pallanuoto significherebbe avere scritto la storia della pallanuoto maschile siciliana, mai arrivata in passato così in alto.  Gara 1, che abbiamo vinto meritatamente in casa 9-7 è ormai archiviata. Quella di domani sarà una battaglia dall’inizio alla fine, dovremo reggere fisicamente e mentalmente l’ardore dei grintosissimi avversari spagnoli, che saranno sostenuti da pubblico come sempre caldissimo. Abbiamo preparato al meglio questo storico match. Andremo a giocarcela con grande determinazione, sapendo che anche un solo attimo approcciato con leggerezza potrebbe compromettere tutto questo nostro straordinario percorso. Ringrazio tutto il mio staff, con in testa il mio vice-presidente Federica Giliberti, per l’intenso lavoro organizzativo svolto sinora, e sono cautamente fiducioso sul mio inesauribile Mister Baldineti e sui miei ragazzi, sia i top player italiani e stranieri, che gli orgogliosissimi palermitani, giovani e senatori, che all’andata hanno fatto straordinariamente bene. Anche i cinquanta supporter al nostro seguito ci daranno una piccola mano per aggredire adeguatamente questa difficilissima finale».

Nella gallery le foto della partita d'andata.

Le formazioni

Telimar: 1.Nicosia, 2.Del Basso, 3.Turchini, 4.Di Patti, 5.Occhione, 6.Vlahovic, 7.Giliberti, 8.Marziali, 9.Lo Cascio, 10.Irving, 11.Lo Dico, 12 Basic, 13.Washburn - Allenatore: Marco Gu Baldineti

CN Sabadell: 1.Lorrio Bejar, 2.Cabanas Pegado, 3.Gil Cedó, 4.Teclas Guillena, 5.Sanahuja Carné, 6.Valera Calatrava, 7.Bertran Pont, 8.Bonet Saez, 9.Averka, 10.Banicevic, 11.López-Escribano Jara, 12.Veich, 13.Serrano Fuentes – Allenatore: Joaquim Colet

Arbitri: Gyorgy Kun (Ung) e Nikolaos Boudramis (Gre) – Delegato Len: Jacques Racine (Svi)

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X