Festa dei carabinieri, le foto delle celebrazioni a Palermo

La cerimonia di celebrazione del 205° Annuale di Fondazione dell’Arma si è svolta a Palermo, alla presenza del Comandante della Legione Carabinieri, Generale di Divisione Giovanni Cataldo.

La cerimonia, all’interno del Comando Legione Carabinieri Sicilia, nella Caserma “Carlo Alberto dalla Chiesa”, ha avuto inizio con lo schieramento del reparto di formazione rappresentativo delle varie componenti dell’Arma, con l’ingresso della Bandiera di Guerra del 12° Reggimento Carabinieri “Sicilia”, la rassegna dei reparti da parte della massima autorità, la lettura del messaggio del presidente della Repubblica e dell’ordine del giorno del comandante Generale dell’Arma, l’intervento del comandante della Legione e la consegna delle “Ricompense” ai carabinieri che sono maggiormente distinti nell’attività di servizio da parte delle massime autorità civili e militari della Regione.

Nel corso della cerimonia il generale dei carabinieri Giovanni Cataldo a Palermo ha commentato: "I dodici mesi trascorsi hanno visto i reparti della Legione impegnati, nel contrasto di varie forme di criminalità, spesso di tipo strutturato e di matrice mafiosa. Gli atti di violenza che hanno caratterizzato la ricerca della supremazia ora di questa ora di quella consorteria criminale, il tentativo stroncato in tempo, di ricostituire la cosiddetta cupola, gli omicidi, le rapine, il furto di notevoli quantità di rame che hanno rischiato di mettere in crisi la sicurezza dei trasporti e la funzionalità delle comunicazioni, il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti, l'illecita intermediazione nell'assunzione dei lavoratori agricoli non esauriscono il panorama delle sfide affrontate quest'anno".

E ancora: "Una particolare menzione desidero fare inoltre, per l'attività di prevenzione di tipo patrimoniale che ha portato al sequestro e alla confisca di cospicue ricchezze di dubbia o di definitivamente accertata illecita provenienza. Tale impegno, al di là del valore delle sostanze acquisite all'Erario, colpisce al cuore il funzionamento delle organizzazioni criminali, prosciugandone le fonti di finanziamento. Essa ha un alto valore dimostrativo nella pubblica opinione, perché afferma un sacrosanto principio: il crimine non paga, e la legalità conviene".
"La caserma dei carabinieri, soprattutto quella delle Stazioni, è qualcosa in più di un semplice ufficio pubblico. - ha aggiunto - Nelle nostre caserme il cittadino si reca spesso per cercare un consiglio, un conforto, normalmente un aiuto se non una protezione da un pericolo. È, quindi, necessario che l'edificio sia non solo funzionale, ma decoroso e accogliente".

Foto di Marcella Chirchio

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X