stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Coronavirus, il sindaco di Palermo: "Bene confronto con ministro Spadafora sullo sport"
L'INCONTRO

Coronavirus, il sindaco di Palermo: "Bene confronto con ministro Spadafora sullo sport"

Le tematiche legate allo sport sono state al centro di un incontro, in videoconferenza, tra il ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, e gli assessori al ramo di città metropolitane, presenti anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e l’assessore Paolo Petralia Camassa. La richiesta della costituzione di un tavolo tecnico dedicato al mondo sportivo era pervenuta al Ministro a seguito di diversi incontri tra gli assessori allo sport di città metropolitane. L'Assessore Petralia ha affrontato il tema della gestione degli impianti sportivi a Palermo che risulta avere la specificità, rispetto ad altre realtà, della gestione diretta.

E’ stato chiesto al ministro Vincenzo Spadafora di prevedere la sospensione per gli anni 2020-2021 di quanto previsto dalla Legge 131/1983 che obbliga i comuni a provvedere alla copertura percentuale dei costi complessivi di tutti i servizi pubblici, a domanda individuale, nella misura del 36%. Chiesta anche l’esenzione, previo supporto economico statale e per gli anni 2020/2021, dei pagamenti delle tariffe pagate dall’utenza sportiva per i servizi a domanda individuale relativi all’uso degli impianti sportivi di proprietà e gestione comunale.

L'assessore Petralia Camassa ha anche sottolineato, di concerto con gli altri assessori allo sport presenti all’incontro, l'importanza di attenzionare le realtà che si occupano delle sponsorizzazioni e della pubblicità, che essendo in grande difficoltà in questo momento rischiano di non riuscire a sostenere il riavvio dell’attività nella prossima stagione sportiva.

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, ha evidenziato che "le proposte e le richieste presentate al Ministro sono state il frutto di un corposo lavoro svolto dall’Amministrazione con il mondo sportivo cittadino e regionale. L’associazionismo sportivo di base e di eccellenza, così come i settori della cultura e del turismo, sta soffrendo in modo pesante questa crisi, ma superata la fase dell’emergenza dovrà essere messo in condizione di riprendere le attività, necessariamente in modo lento e graduale ma dando ad operatori e fruitori strumenti adeguati". Analogo confronto a quello di oggi è previsto anche con il Governo regionale che ha presentato la nuova legge finanziaria di emergenza. ITALPRESS

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X