stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Un’associazione per promuovere i cibi biologici della Sicilia
A ROCCAPALUMBA

Un’associazione per promuovere i cibi biologici della Sicilia

di
A Roccapalumba organizzati laboratori con maestri pasticcieri e di cucina. Il prossimo obiettivo è la rete on line per commercializzare i prodotti

ROCCAPALUMBA. Passione per il cibo di qualità e per tutto ciò che è biologico, ma soprattutto rispetto per chi produce il «Made in Sicily». Sono questi i fattori che compongono il denominatore comune su cui è stata fondata la nuova associazione che gli agro-produttori, i contadini, gli allevatori ed i professionisti del settore agroalimentare siciliani hanno battezzato «SiciliaSì». L’obiettivo adesso è piazzare i prodotti della Sicilia in un network on line chiamato «Rete del Cibo».

Fra i traguardi già raggiunti dalla nuova associazione, che tra i suoi fondatori ha Teresa Armetta, c’è l’organizzazione di iniziative formative, eventi ed azioni mirate alla salvaguardia dei sapori tradizionali e la promozione del turismo enogastronomico. Ma adesso si punta ad aprire una rete commerciale per fare gruppo e promuovere azioni di cosiddetto «co-working», ovvero lavorare insieme.

«SiciliSì crede infatti fermamente nel lavoro sinergico tra i produttori, nel marketing di gruppo e promuove la Rete del Cibo, un nuovissimo network rivolto ai produttori agroalimentari siciliani che vogliono migliorare le loro produzioni e il cibo di qualità», dice Teresa Armetta.

L’associazione ha fatto tappa nel week-end all’«Opuntia Ficus indica Fest 2014» di Roccapalumba, dove ha collaborato alla realizzazione dei laboratori gastronomici con maestri della cucina e della pasticceria siciliana, fra i quali Salvatore Cappello e Giuseppe Sparacello ed il maestro di cucina Pietro Pupilla. Era presente anche Edmondo Palmeri, nome di spicco della Medicina integrata complementare, flebologia e nutrizionistica.

Sul territorio siciliano l’associazione ha fondato un’oasi didattica nel cuore di Ustica, battezzandola «Il Giardino di Giancarlo», e diversi corsi di cucina come quello tenuto da Roberto Rubino, presidente dell’associazione nazionale Formaggi sotto il cielo (Anfosc), nata per tutelare e valorizzare i formaggi prodotti esclusivamente con il latte di animali allevati al pascolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X