stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Non serve la concessione per le cabine nei lidi, azienda vince il contenzioso col Comune di Palermo
SENTENZA TAR

Non serve la concessione per le cabine nei lidi, azienda vince il contenzioso col Comune di Palermo

La decisione dei giudici amministrativi rappresenta un precedente per tutti gli stabilimenti balneari in Sicilia
lidi, Tar palermo, Palermo, Politica
Cabine in uno stabililento balneare (foto d'archivio)

Per installare le cabine nei lidi per la stagione balneare non serve né concessione edile né permesso di costruzione. Lo hanno stabilito i giudici della terza sezione del Tar di Palermo presieduta da Guglielmo Passarelli Di Napoli (Aurora Lento estensore e Bartolo Salone, referendario, chiudendo un contenzioso con l’hotel La Torre di Mondello. Nel 2014 la società Costa degli Ulivi Spa che gestisce lo stabilimento balneare assistita dagli avvocati Salvatore e Luigi Raimondi ha presentato ricorso contro il provvedimento del Servizio Suap del Comune che aveva cambiato indirizzo pretendendo che l’installazione delle capanne avvenisse con concessione edilizia onerosa, e successivamente con permesso di costruire.

La Costa degli Ulivi è stata costretta, ogni anno, ad impugnare i provvedimenti del Comune. Anche per l’anno in corso, 2022, il Comune ha negato il rinnovo dell’autorizzazione insistendo, ancora una volta, nel pretendere il montaggio con il permesso di costruire. Sulla vicenda è intervenuto di recente, prima il legislatore statale con decreto 76 del 2020, e successivamente la Regione Siciliana con la legge 23 del 2021. Le due norme stabiliscono che le «opere stagionali», destinate ad essere rimosse alla fine estate, sono ricomprese nell’ambito dell’edilizia libera, vale che non serve un provvedimento amministrativo. I giudici del Tar con la sentenza ribadiscono «che le capanne montate per i tre mesi della stagione balneare e smontate alla scadenza, sono classificabili come opere stagionali cosicché non sussistono i presupposti per chiedere il permesso di costruire». La decisione dei giudici amministrativi rappresenta un precedente per tutti i lidi in Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X