stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Palermo, la Cisl a Lagalla: «Alla Gesap serve una nuova guida». Dura replica dell'ad Scalia
PARTECIPATE COMUNALI

Palermo, la Cisl a Lagalla: «Alla Gesap serve una nuova guida». Dura replica dell'ad Scalia

«Al Professore Lagalla, nuovo sindaco della città di Palermo, confermiamo la disponibilità al confronto sui temi legati all’efficientamento dei servizi e delle attività svolte dalle aziende partecipate dei trasporti e dei servizi alla collettività, che riteniamo debbano avere estrema priorità nell’agenda delle cose da fare con urgenza». Così Dionisio Giordano, segretario generale della Fit Cisl Sicilia, unitamente all’intero gruppo dirigente dell’organizzazione, esorta il nuovo amministratore della città a dare risposte adeguate a lavoratori ed utenti.

«Su Gesap, gestore dell’aeroporto Falcone Borsellino, occorre una governance che sappia cogliere tutte le potenzialità di sviluppo del secondo scalo siciliano per volumi di traffico ancora ampiamente inespresse, coniugando l’aumento del traffico passeggeri con lo sviluppo di asset e segmenti ancora non valorizzati quali ad esempio il trasporto delle merci, realizzando in situ hangar e depositi per il cargo- incalza Giordano unitamente ad Antonio Dei Bardi, segretario generale aggiunto della Fit Cisl Sicilia.

«Su Amat, l’azienda di trasporto pubblico cittadina, occorre adeguare il contratto di servizio, dare immediata efficacia al piano di risanamento, completare l’organico degli autisti con lo scorrimento della graduatoria esistente, infine bisogna definire il contenzioso economico con il Comune di Palermo in merito alla Tosap e Tari - sostiene Giordano, unitamente a Davide Traina, segretario regionale Fit Cisl, e Salvatore Girgenti, segretario aziendale Fit Cisl Amat.». E aggiungono, «non è più sostenibile tenere gli autobus fermi in rimessa per carenza di autisti, si offre un servizio inadeguato e si percorrono pochi kilometri determinando un danno alle cassedell’azienda». «Su Rap, l’azienda di gestione del servizio di raccolta dei rifiuti, è indispensabile e non più procrastinabile mettere in equilibrio economico-finanziario il bilancio aziendale, a partire dal completamento della procedura di ricapitalizzazione e dall’erogazione dei crediti certificati nei confronti del Comune che ammontano a circa 50 mln», così intervengono Giordano e Vincenzo Traina, segretario aziendale Fit Cisl Rap. «Dare piena attuazione al piano industriale di Rap, con l’assunzione di autisti e operai e con l’acquisto di mezzi operativi tali da rendere "un fatto normale" la raccolta quotidiana dei rifiuti, l’incremento della raccolta differenziata e la infrastrutturazione impiantistica della piattaforma di Bellolampo, dal riutilizzo dei rifiuti al recupero energetico».

«Le dichiarazioni su Gesap da parte del segretario generale della Fit Cisl Sicilia - ribatte Giovanni Scalia, amministratore delegato della società di gestione dell'aeroporto internazionale di Palermo Falcone Borsellino - appaiono provocatorie e disarticolate dalla realtà». Per Scalia, «l’aeroporto di Palermo non solo è tra i migliori in Italia per performance di crescita del traffico passeggeri e voli, ma è pure tra i pochissimi scali aerei europei ad aver superato il livello di traffico del periodo pre-Covid. E di questo ne andiamo fieri - dice il ceo di Gesap - perché significa che la comunità aeroportuale ha lavorato così bene da permettere una crescita tre volte superiore rispetto agli standard registrati negli scali europei, grazie anche ai continui accordi con le principali compagnie aeree che stanno investendo su Palermo per incrementare il loro business».

Inoltre, sottolinea Scalia, «il segretario della Cisl appare distratto, perché dovrebbe sapere che il progetto per la realizzazione del cargo building, così come è stato annunciato da tempo, è stato già appaltato e vedrà la luce a fine anno. È fuori ogni dubbio - conclude Scalia - che il management di Gesap ha spinto gli investimenti per i lavori di ampliamento del terminal. E questo stato fatto nell'ottica della sostenibilità e della crescita del territorio, due elementi finalizzati sempre al bene comune e mai a una visione di parte».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X