stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Mafia, la procura di Palermo ricorre sull'ex senatore D'Alì: "Obbligo di soggiorno, è pericoloso"
LE MOTIVAZIONI

Mafia, la procura di Palermo ricorre sull'ex senatore D'Alì: "Obbligo di soggiorno, è pericoloso"

mafia, Antonio D'Alì, Palermo, Politica
Antonio D'Alì

La procura generale di Palermo ha presentato ricorso in Cassazione per chiedere che sia riconosciuta la 'pericolosità sociale' dell’ex senatore Antonio D’Alì. A metà gennaio i giudici della corte d’Appello avevano annullato la misura di prevenzione applicata al politico trapanese, che dall’agosto 2019 era sottoposto all’obbligo di soggiorno nel comune di Trapani.

Nel ricorso il pg Rita Fulantelli, ha chiesto di applicare nuovamente la misura di prevenzione nei confronti di D’Ali che "deve ritenersi un soggetto ancora sottoposto alle regole di Cosa nostra", si legge nel documento indirizzato alla corte di Cassazione.

"La pericolosità sociale qualificata di Antonio D’Alì - scrive il pg Fulantelli - proprio alla luce dei principi elaborati da questa Suprema Corte, deve ritenersi attuale". L’ex senatore D’Alì è tuttora imputato, in sede penale, con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

È in corso il processo d’Appello bis, dopo che la Corte di Cassazione annullò le decisioni dei giudici di Appello palermitani che avevano confermato quelle di primo grado depositate nel 2013 in cui era stato dichiarato prescritto per i fatti precedenti al gennaio 1994, assolto per quelli successivi. AGI

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X