IL CASO

Di Matteo, il M5S: no al trasferimento del magistrato da Palermo

ROMA. "Il Movimento Cinque Stelle Sicilia e i membri M5S della commissione Antimafia esprimono massima vicinanza al dottor Nino Di Matteo, che si ritrova in queste ore a dover decidere se accettare la proposta di trasferimento straordinaria fattagli dal Consiglio Superiore della Magistratura perché a Palermo il pericolo di un attentato alla sua vita sarebbe diventato estremo".

Il M5S, si legge in una nota, " è indignato che lo Stato proponga a un suo servitore di lasciare la Sicilia e i processi in corso poiché non riesce a garantirgli le condizioni per svolgere al meglio e con il massimo della sicurezza possibile il proprio lavoro a Palermo".

E ancora: "A questo punto è doveroso chiedersi: perché è aumentato ancora il pericolo di attentato nei confronti del magistrato? Perché si vuole uccidere il dottor Di Matteo? Perché proprio lui, perché ora? Qualsiasi sarà la decisione che prenderà Di Matteo - si sottolinea - il Movimento Cinque Stelle ribadisce al magistrato piena solidarietà e profonda gratitudine per il lavoro svolto e per la continua ricerca della verità".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X